Vellutata di asparagi, Ricetta vegetariana

Print Friendly

Vellutata di asparagi - Ricetta vegetariana - Le Mani Di Manu

La vellutata di asparagi sarà sicuramente (le ultime parole famose…) l’ultima ricetta a base di questo squisito ortaggio che vi proporrò per quest’anno, approfittatene che non è mica detto che l’anno prossimo ci sia ancora…con il blog intendo! Fatemi toccare ferro va! 😀 Provate questo piatto nella versione che vi propongo: è squisita, semplice e povera di grassi. La vellutata di asparagi fa anche molta scena, quindi se volete fare bella figura in occasione di un invito importante io ve la consiglierei come prima portata. Provatela, sono sicura che vi piacerà!

Ingredienti per vellutata di asparagi per 4 persone:

  • kg 1 asparagi verdi
  • 2 patate medie
  • l. 1 brodo vegetale (preparato con 1 costa di sedano, 1 carota, 1 cipolla piccola, 1 spicchio d’aglio e 1 ciuffetto di prezzemolo)
  • 1/2 cipolla
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 rametti di maggiorana
  • una spolverata di noce moscata
  • gr. 10 burro (facoltativo)
  • gr. 100 pane
  • un filo d’olio e.v.o., sale

Preparate il brodo vegetale. Nel frattempo affettate la cipolla, eliminate la parte legnosa degli asparagi, sbucciate le patate, lavate il tutto e tagliate le verdure a pezzetti. Lasciate intere le punte degli asparagi e tenetele da parte. Immergete i vegetali nel brodo bollente e lasciate cuocere per 20 minuti, poi aggiungete le punte di asparagi e continuate a far bollire per altri 5 minuti. Scolate le verdure con una ramina e frullatele con le foglie di maggiorana, la noce moscata, il parmigiano e il burro (tenete però da parte le punte). Se pensate sia necessario aggiungete dell’altro brodo e aggiustate di sale. Tagliate il pane a tocchetti e abbrustolitelo in padella condendolo con un filo d’olio. Impiattate la vellutata, guarnite con un giro d’olio a crudo, i crostini di pane e le punte degli asparagi. Bon appetit! Potete anche prepararla in anticipo e scaldarla al momento di mangiare.

Suggerimento: Vi avanzerà sicuramente del brodo e il consiglio che vi do è di non buttarlo! Filtratelo e conservatelo in frigo se pensate che vi possa servire nell’arco di due giorni oppure surgelatelo negli appositi contenitori. Del brodo già pronto torna sempre molto utile! 

Invia la ricetta a un amico!
    Ecco altre ricette che forse ti possono interessare:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.