Mosto cotto

Print Friendly

Mosto cotto - Ricetta Sterilizzazione e Sottovuoto - Le Mani Di Manu

E dopo essere entrata nel tunnel dei lievitati, eccomi mettere piede anche nel regno delle conserve…mi sento un po’ a metà strada tra Arwen (eh, magari!!! 😀 ) e nonna papera! Visto che siamo quasi in periodo di vendemmia, mi è saltato in mente di preparare il mosto cotto, un dolcificante naturale da preparare senza aggiunta di zuccheri che si ottiene dalla bollitura del succo d’uva non fermentato, chiamato mosto crudo. E’ molto usato nella preparazione di dolci tipici di origine abruzzese (e credetemi se vi dico che sono la fine del mondo!) che presto impareremo a preparare insieme, quindi continuate a seguirmi! Il mosto cotto è una sorta di sciroppo che sostituisce altri dolcificanti come lo zucchero e il miele, io lo trovo affascinante! Volete sapere come si fa? Leggete!

Ingredienti per mosto cotto:

  • uva, più è zuccherina e meglio è! Io l’ho preparato con uva nera ma dalla regia mi dicono che si possa ottenere anche da quella bianca.

Clicca qui se ti interessa anche la ricetta della gelatina d’uva

Staccate gli acini dal grappolo, lavateli e asciugateli. Ricavate il mosto crudo spremendoli con il passa verdure, poi passate il succo con un colino a maglie strette. Mettete la pentola contenente il liquido sul fuoco e fategli prendere il punto di bollore tenendo la fiamma alta, poi abbassatela. Dovrà cuocere sobollendo molto lentamente. Schiumate quando necessario e girate di tanto in tanto. L’acqua evaporerà mentre gli zuccheri propri dell’uva si caramelleranno. Considerate che la resa sarà piuttosto bassa, dal momento che il preparato non prevede l’aggiunta di addensanti. Quindi, cercate di ricavare una quantità consistente di mosto crudo (lo potete anche comprare, io naturalmente non l’ho fatto). Considerate che il risultato finale sarà di circa 1/4 rispetto alle quantità iniziali di succo d’uva. Ciò significa che da 4 litri di mosto crudo otterrete circa 1 litro di mosto cotto. Considerate anche che per queste quantità il tempo di cottura si aggirerà intorno alle 4 ore, anche qualcosina di più forse.

Una volta pronto, ve ne accorgerete perché avrà la densità dello sciroppo e il colore del caramello, lasciatelo freddare, invasatelo in vasetti sterilizzati e create il sottovuoto.

Sterilizzare i vasi di vetro: Lavate e sciacquate accuratamente i vasetti e i loro coperchi (usatene di nuovi, non riutilizzate quelli vecchi), poi mettete tutto in una pentola e sommergeteli d’acqua. Fate bollire tutto per 30 minuti, spegnete il fuoco ed estraete il contenuto solo quando l’acqua si sarà freddata (usate una pinza, non toccateli con le mani sennò la sterilizzazione vi sarà servita a poco!). Poneteli a testa in giù su un canovaccio pulito e dopo cinque minuti girateli per farli asciugare per bene. Non riempiteli se non sono asciuttissimi. Poi chiudeteli.

Creare il sottovuoto quando il composto è invasato da freddo: Prendete i vostri bei barattoli pieni e ben chiusi, metteteli in una pentola e copriteli con l’acqua. Dovranno rimanere sommersi. Fate bollire 30 minuti, spegnete e lasciateli raffreddare completamente all’interno dell’acqua stessa.  Avrete ottenuto il sottovuoto se il centro del coperchio si sarà abbassato e non farà “click”. Ora non vi rimane altro da fare che asciugarli e conservarli in un luogo fresco, asciutto e in ombra.

Invia la ricetta a un amico!
    Ecco altre ricette che forse ti possono interessare:

    8 thoughts on “Mosto cotto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.