Frittata di asparagi selvatici, Ricetta facile e veloce

Print Friendly

Frittata di asparagi selvatici, Ricetta facile e veloce | Le Mani ...L’altro giorno mi hanno regalato un bellissimo mazzo di asparagi selvatici che ho pensato bene di usare per farne una bella frittata! E’ già il terzo mazzo questa primavera e penso anche l’ultimo, purtroppo! Dopo averli usati nella pasta e nei muffin, questa volta ho voluto proprio togliermi la soddisfazione di mangiarmi questa bella frittata di asparagi selvatici!

Ingredienti per frittata di asparagi selvatici per una padella da Ø 24-26 cm

  • 300 gr. asparagi selvatici (peso per asparagi già puliti)
  • 4 uova medie
  • un cucchiaio di parmigiano grattugiato
  • cipolla
  • olio evo, sale

Leggi anche la ricetta della pasta agli asparagi selvatici e pancetta, clicca qui

Eliminate la parte legnosa degli asparagi e lavateli accuratamente. Fate soffriggere della cipolla (non siate avari, la cipolla si sposa benissimo con la frittata) in poco olio e unitevi gli asparagi tagliati a pezzi. Salate e cuocete a padella coperta per circa 15 minuti (la fiamma non deve essere alta, altrimenti rischiate di bruciarli). Se vi sembra che si asciughino troppo aggiungete un goccio d’acqua, ma è importantissimo (come per tutte le frittate) che questa sia completamente evaporata a fine cottura. Nel frattempo in un contenitore sbattete le uova con una forchetta, aggiungete il parmigiano e un pizzico di sale. Unitevi gli asparagi (fateli freddare un pochino prima di mescolarli all’uovo), amalgamate il tutto e versate il contenuto nella padella degli asparagi che avrete fatto riscaldare. Abbassate la fiamma e coprite. Quando l’uovo comincia a solidificarsi cercate di staccare i bordi dalle pareti della padella e scuotetela leggermente per fare in modo che si stacchi anche dal fondo. Lasciate cuocere per circa 5 minuti (prima di girarla verificate che sia effettivamente ora di farlo) e, aiutandovi con il coperchio, rivoltatela. Cuocete ancora per 5 minuti senza coprirla.

Frittata di asparagi selvatici, Ricetta facile e veloce | Le Mani Di ManuSuggerimento: Personalmente preferisco mangiare la frittata di asparagi selvatici (come tutte le frittate!) dopo averla lasciata insaporire almeno per un’oretta…ma è una questione di gusti! A me le frittate calde non piacciono!

 

Invia la ricetta a un amico!
    Ecco altre ricette che forse ti possono interessare:

    5 thoughts on “Frittata di asparagi selvatici, Ricetta facile e veloce

    1. Ciao a tutti quelli che seguono questa ricetta; ed a proposito porgo il seguente quesito.
      In natura esistono diversi tipi di asparagi selvatici che, in botanica, hanno diversi nomi, come ache in lingua italiana o dialettale.
      Ve ne indico quelli da me conosciuti e vi prego di indicarmi quelli più indicati, tenendo presente il loro grado di dolcezza o di amaro.
      Asparagus acutifolius, che cresce su terreno calcareo roccioso; Asparagus tenuifolius, che cresce su terreni acidi e di pianura o di zone collinari; Ruscus aculeatus, che cresce in boschi acidi di zone collinari, planiziali o prealpiche; Aruncus dioicus, che vegeta su terreno calcareo ed in boschi di zone collinari o prealpiche.
      Io vivo in Friuli e tutti hanno un nome diverso in lingua Friulana. In lingua italiana si chiamano asparagi selvatici. Ad usarli per risotti, in cucina, è una cosa molto diversa dal doverli usare con la pasta tipo trenette.
      Sarei molto grato se qualcuno, più competente di me, potesse indicarmi quale specie di pianta selvatica usare.
      Personalmente penso che si debba usare Asparagus acutifolius, dal sapore amarognolo dolciastro.
      Grazie e saluti.
      Romano Cacchione

      • Ciao Romano, mi hai costretta a fare una ricerca per poterti dare una risposta. L’asparago selvatico, che io riconosco a occhio senza andare in giro con il vademecum di botanica, ho scoperto che porta il nome scientifico di Asparagus acutifolius. In tutti i casi ho appena pubblicato anche un primo piatto, magari ti interessa! Ciao!

      • ciao,io uso spesso gli asparagi selvatici x fare la frittata ed il risotto(anche quello buonissimo),da noi a vicenza si chiamano brustangoli,spero di essere stata utile.oriella

        • Ciao Oriella, io ho origini padovane e li conosco con il nome di bruscandoli 😉 sono ottimi, ma sono una varietà diversa rispetto a quella che si trova qui nel Lazio. In ogni caso si usano allo stesso modo. Ciao e grazie!

          • ciao, in effetti in dialetto si chiamano in entrambe le maniere.se mi dici che nel lazio sono di altre varieta’ allora alzo le mani!!ciao ciao!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.