Crea sito

Risotto crema di piselli e stracciatella

Risotto crema di piselli e stracciatella

Iniziamo questa ricetta preparando il brodo vegetale. Io di solito lo faccio con cipolla, carota, sedano e una patate. Se non avete tempo usate il dado, non se ne accorgerà nessuno… o quasi! Ma non ditelo agli chef quelli veri, mica come me!

Se è periodo di piselli freschi, come quello che si avvicina, conviene sempre usarli, quindi fateli sbollentare cuocendoli in acqua ma senza coprirli troppo, aggiungendo acqua calda di volta in volta. Quando saranno cotti aggiungete la cipolla e l’olio e fate andare a fiamma moderata, lasciate insaporire e poi frullate con un frullatore a immersione. Mettete da parte e lasciate raffreddare. Passate adesso a preparare il risotto facendolo appassire la cipolla con l’olio, versatevi quindi il riso e fatelo tostare, aggiungete il brodo e portatelo a cottura aggiungendo sempre il brodo al bisogno. Una volta cotto, assicuratevi che la crema di piselli sia fredda e quindi aggiungetela al riso. Impiattate e aggiungete la stracciatella. Servite subito.

Si ringrazia M.S. per questa ricetta. Del resto se ti copiano sei bravo, gliel’ho detto!

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    50 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone

Ingredienti

  • Riso Carnaroli 200 g
  • Pisellini 400 g
  • stracciatella 200 g
  • Brodo vegetale q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • cipolla q.b.
  • olio q.b.

 
 

Vellutata di patate con pomodorini semisecchi bimby

Il Bimby direte? Inutile dirlo, il Bimby per alcune cose non ha rivali, ma è un po’ come i vizi, vanno praticati con cautela no? Io ce l’ho da qualche anno e ahimè l’ho usato molto poco, ma la vellutata di patate… quella ecco è proprio una delizia da Bimby. Il piatto che vi presento oggi l’ho assaggiato a Verona, al ristorante Borsari 36, e a portarmelo è stato il suo grande Chef Carmine Calò. Non gli ho chiesto la ricetta, l’ho interpretata, e credo che nella sua semplicità quella vellutata di patate con pomodorini semisecchi sia buonissima.

Se avete tempo partite almeno 1 ora e mezza prima con questa ricetta. Tagliate i pomodorini a metà, disponeteli su una teglia, versate un filo d’olio, sale, zucchero e origano. Informate per 1 ora e mezza a circa 100 gradi, a seconda del forno potrebbe essere necessaria anche una ulteriore mezz’ora. I pomodorini saranno pronti quando li vedrete belli secchi.
Potete infornare anche il pane e toglierlo quando sarà bello croccante.

A questo punto passiamo alle patate. Sbucciate le patate, lavatele e tagliatele a tocchetti. Lasciatele a mollo in acqua per evitare che si anneriscano.
Nel boccale del Bimby mettete il cipollotto già tagliato, aggiungete quindi l’olio e fate cuocere 3 minuti a velocità 1 a 100°.
A questo punto aggiungete le patate a pezzi, l’acqua, il dado e il latte e cuocete per 30 minuti a velocità 1 a 100°.
Quando sarà tutto cotto aggiungete il burro, il sale, il parmigiano e il pepe e frullate per 30 secondi a velocità 8.
Se il composto vi sembra troppo liquido potete aggiungere un po’ di farina, frullare e far cuocere sempre alla stessa velicità e temperatura per 5 minuti.

A questo punto impiattate in piatti fondi, aggiungete i pomodorini, i tocchetti di pane tostato e un filo d’olio.

Il gioco è fatto.

Detto questo se non avete il Bimby questa ricetta è assolutamente realizzabile con una semplice pentola, meglio se a pressione per la fase di cottura delle patate.

Vi è piaciuta la mia ricetta? Seguite la mia pagina Facebook e avrai anche la possibilità di partecipare a eventi esclusivi, showcooking, ed essere sempre aggiornato sul quello che accade nel mondo dell’enogastronomia!

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1,5 ore
  • Cottura:
    90 minuti
  • Porzioni:
    5/6 PERSONE

Ingredienti

Per la vellutata

  • Patate 500 g
  • Cipollotto fresco 1/2
  • Acqua 400 ml
  • Latte 400 ml
  • Parmigiano reggiano 40 g
  • Olio di oliva q.b.
  • dado vegetale 1
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per i pomodorini

  • Pomodorini ciliegino 10
  • Origano q.b.
  • Sale q.b.
  • Zucchero Pochissimo

Per i crostini

  • pane tostato 3 fette

 
 

Presentata la Fabbrica Trasparente di Mortadella Bologna IGP

La Fabbrica trasparente di Mortadella Bologna IGP

La Fabbrica Trasparente di Mortadella Bologna

All’interno di FICO, Fabbrica Italiana Contadina, il grande parco agroalimentare che aprirà a Bologna il prossimo 15 novembre nell’area del CAAB (Centro Agroalimentare di Bologna), il Consorzio Mortadella Bologna in 300 mq ha costruito uno spazio che permetterà di immergersi a 360° nel mondo della Mortadella: un piano dedicato alla produzione e alla vendita – una vera Fabbrica trasparente che attraverso grandi vetrate consentirà ai visitatori di seguire l’intero processo di produzione della Mortadella Bologna IGP – e un piano dedicato alla storia, ai profumi e ai sapori, dove sarà possibile degustare in loco la Mortadella IGP – prodotta “a km zero” – all’interno del “Mortadella Bar”. (altro…)

 
 

Carpaccio con carciofi

Carpaccio con carciofi

carpaccio e carciofi

LellaCook torna con le sue ricette e lo fa per rendere omaggio a “Sua maestà il carciofo”
Esistono centinaia di ricette in tutta Italia, dagli antipasti ai primi piatti, contorni in tutte le salse, fantastici per le conserve sott’olio, al forno con le patate, alla carbonara, fritti, insomma il carciofo esalta la fantasia di ogni chef.
Ma i puritani davanti ad un violetto o ad un romanesco preferiscono sicuramente mangiarlo crudo e croccante.
La ricetta che voglio presentare oggi è molto semplice, necessita di alcuni accorgimenti, ma il risultato è garantito, piatto di alto livello che merita ogni considerazione, soprattutto in questo breve periodo in cui si concentra la raccolta. (altro…)

 
 

Pici zucchine e speck croccante

Pici zucchine e speck

Pici zucchine e speck

 

Pici zucchine e speck

Questa ricetta è stata realizzata con lo  Speck Alto Adige IGP che sicuramente conoscerete tutti. Potete trovare tutto su questo speck qui. Gli scilatelli o più comunemente detti “pici” è una pasta tipica della toscana, ma in realtà cambia solo nome da regione a regione, perché in Calabria per esempio, si chiamano scilatelli e la ricetta è la stessa, solo la modalità di tiratura della pasta è differente.  (altro…)

 
 

Cuoco in vista – Ultimi giorni

C’è ancora tempo fino a stasera per iscriversi al concorso di Camst “Cuoco in vista” che potete trovare qui per vincere dei tecnologicissimi premi, mentre c’è tempo ancora fino al 31 gennaio per votare! Solo per darvi un’idea dei premi..

Schermata 2015-01-09 alle 20.04.17

Davvero volete lasciarveli scappare?

 
 

Con Voiello una sfida da leccarsi i baffi

Con Voiello una sfida da leccarsi i baffiVoiello

Grande sfida lo scorso 20 settembre al Taste Of Rome, nel mezzo di un vero e proprio paradiso gastronomico! Nello stand della Voiello io e Marco Fiocchi di Blogo ci siamo sfidati all’ultimo mestolo per preparare una sfiziosa cacio e pepe. (altro…)

 
 

Adecco Experience Quarta settimana da Eataly

Adecco Experience Quarta settimana da EatalyAdecco Experience quarta settimana da Eataly

Potrebbe sembrare una pubblicità spudorata ad alcuni quotidiani italiani, ma è solo l’inizio della mia quarta settimana da Eataly. Come ormai avrete capito ho trovato il mio regno incantato nell’Ufficio Stampa di Eataly Roma per questa mia meravigliosa Adecco Experience! (altro…)