20150620_132301Freschi freschi di ritorno dal nostro week end in Val d’Aosta, le nostre papille gustative hanno ancora il sapore di piatti fantastici che abbiamo mangiato lì, nella val d’Ayas, vicino Champoluc, come questa fantastica bistecca Valdostana. Qui la fanno proprio così; sebbene la vera valdostana sarebbe la bistecca di vitello con osso, tagliata nel mezzo e farcita con prosciutto e fontina, e poi impanata e fritta come una classica cotoletta alla milanese.

Che poi, gli abitanti del luogo ci fanno notare che questo piatto di Valdostano ha davvero poco….è  quasi più una riproduzione dei “cordon bleu” dei vicini di casa francesi.

E stasera, a grande richiesta, le ho rifatte per i miei cuccioli; con grande soddisfazione anche del marito.

4 fette di fesa di vitello
4 fette di prosciutto cotto
4 fette di fontina
1 uovo
Pangrattato q.b.
Sale
Olio di oliva per la frittura (con aggiunta di una noce di burro).

Battete la fesa di vitello con il batticarne. Rompete l’uovo in un piatto e sbattete con una presa di sale. Immergete le bistecche e lasciatele insaporire per una decina di minuti.
Riscaldate l’olio e il burro in una padella e friggete la carne dopo averla impanata nel pane grattugiato.
Dopo un paio di minuti girate la carne sull’altro lato e continuate la cottura per altri due minuti.
Una volta cotte tutte le bistecche, mettetele ad asciugare su carta assorbente e poi riponetele in una pirofila da forno.
Adagiate su ciascuna di esse una fetta di prosciutto ed una di fontina e passate in forno caldo per 5 minuti affinché la fontina si sciolga un po’.
Servitele ben calde per mantenere il formaggio filante, accompagnate, come ho fatto io con delle patate saltate in padella e poi finite in forno per la doratura finale.