In questo scorcio di fine vacanze abbiamo dovuto fare una sosta prolungata dai nonni in campagna perché mia mamma è stata male di nuovo ed è stata ricoverata a Mantova. Dopo il forte temporale di ieri l’aria si è rinfrescata un po’ e stamattina, in attesa dell’orario visite in ospedale, ci siamo dedicati alla raccolta nell’orto. Fichi, pomodori, uva, melanzane, peperoni, e così via.

I fichi erano così belli e invitanti che ho pensato di farci una bella torta soffice e profumata. Pochi ingredienti genuini, un cucchiaio di legno e via, all’opera.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 35-40 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 10-12 fette

Ingredienti

  • 120 g Zucchero
  • 250 g Farina
  • 100 ml Olio di semi
  • 70 ml Latte
  • 4 Uova
  • 1 bustina Lievito in polvere per dolci
  • 6 Fichi
  • 1 bustina Vanillina
  • 20 g Mandorle in scaglie
  • Zucchero a velo

Preparazione

  1. Lavate accuratamente i fichi, sbucciateli, tagliateli a spicchi e metteteli da parte.

    In una ciotola capiente rompete le uova, aggiungete lo zucchero e mescolate con un cucchiaio di legno. Unite l’olio di semi e il latte e continuate a mescolare.

    Setacciate la farina e aggiungete il lievito e la vanillina.  Unitela adesso a poco a poco al composto semiliquido senza mai smettere di mescolare, fino ad ottenere un composto omogeneo.

  2. Intanto accedente il forno a 180 gradi. Imburrate e infarinate uno stampo di 26 cm di diametro e versatevi l’impasto. Disponete ora i fichi a raggiera, cospargete con le lamelle di mandorla e quando il forno sarà in temperatura, infornate la torta a metà e lasciatela cuocere per circa 35 minuti in modalità statica. Se opzionate per il ventilato abbassate la temperatura a 170.

    Fate la prova dello stecchino prima di sfornare.

  3. Lasciate raffreddare prima di trasferire la torta in un piatto, e poi cospargete con zucchero a velo.

Note

A piacere potrete sostituire 50 g di farina bianca con farina di mandorle. Otterrete un dolce dal gusto più corposo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.