schiacciata Sono pronta per questa fantastica avventura!!!! Lo scorso giugno tramite il gruppo “Pane e tuli…pani” mi sono iscritta ad un contest indetto dal Molino Dallagiovanna.

Conosco questo produttore di farine da quando ero bambina, quando mio papà, ora “il nonno”, aveva il panificio e acquistava la farina da loro per fare il pane. Potete immaginare quindi quale soddisfazione sia stata per me realizzare di essere stata ammessa tra i partecipanti al contest.  Un vero e proprio tuffo nel passato.

Ci ho messo quasi due mesi per decidere quali ricette presentare, ma poi, ho deciso di puntare sulla semplicità che mi caratterizza. La prima ricetta è prodotta con la farina UNIQUA BIANCA, ideale per la produzione di prodotti da forno quali grissini, cracker, piadine ecc ecc. Ecco perché ho deciso di utilizzarla per preparare le schiacciate, quelle che mio papà preparava in quantità ogni settimana, e che andavano a ruba; in suo onore quindi ho intitolato la ricetta proprio così: “schiacciata del nonno”.

schiacciata

schiacciataCon questo elaborato partecipo al Contest Molino Dallagiovanna Linea Uniqua indetto dal gruppo FB Pane e Tuli… Pani https://m.facebook.com/groups/349374371920870 di Lorenzo Soldini e sponsorizzato dal Molino Dallagiovanna http://www.dallagiovanna.it/

Ingredienti per 6 sfoglie:

500 Gr di farina Uniqua Bianca Molino Dallagiovanna

120 Gr di pasta madre solida rinfrescata

240 Gr di acqua

6 Gr di sale + quello necessario per il condimento della schiacciata a fine cottura.

olio per ungere la ciotola e le sfoglie in fase di lievitazione

Procedimento:

Sciogliete il lievito madre solido rinfrescato con l’acqua. Dopodiché aggiungete metà dose di farina e iniziate ad impastare. Aggiungete il sale e quindi il resto della farina. Lasciate girare l’impasto in macchina per circa 15 minuti. Al termine dell’impasto dovrete ottenere una pasta liscia e compatta, agevole al tatto.

Ungete una ciotola con un filo d’olio e metteteci l’impasto a riposare. Ungete la superficie e coprite con pellicola, poi mettete l’impasto a riposare in frigo per 24 ore. Trascorse le ore di maturazione in frigo, prelevate l’impasto e lasciate acclimatare per circa 1 ora. Formate con l’impasto 6 palline di circa 125 gr cad. e mettele a riposare almeno 2 ore coperte da un telo.

2016-09-17 14.07.54Stendete quindi l’impasto in una sfoglia sottile, spessa solo pochi millimetri. Se l’impasto oppone resistenza al mattarello per via della sua elasticità, procedete per gradi. Vi consiglio infatti di stendere ogni pallina fino a che la pasta non inizia a ritirarsi; dopodichè, passate alla pallina successiva e lasciate riposare la sfoglia. Ci vorranno almeno tre passaggi per arrivare ad ottenere una sfoglia sottile e larga circa 40 cm.

20160911_110455Fate riposare le sfoglie, tra una stesura e l’altra, sotto un panno di cotone pulito. Quando tutte le sfoglie avranno raggiunto la sottigliezza minima, accendete il forno a 250 gradi. Lasciate riposare la schiacciata sempre coperta da strati di teli di cotone che tengono separate le sfoglie, fino a che il forno non va in temperatura.

20160911_110718Con l’aiuto di una pala quindi infornatele ad una ad una e lasciate cuocere per soli 2-3 minuti, o fino a quando la sfoglia non prende colorito. Se riuscite a non scottarvi e a rompere le sfoglie, appena prendono colore, giratele dall’altro lato. Sfornate la schiacciata e spennellatela con olio e un pizzico di sale fino. Ripetete l’operazione fino a cottura di tutte le sfoglie.

20160911_111006

20160911_11121320160911_111734