Qui di seguito vi suggerisco un altro metodo di preparare le melanzane. Anche questa ricetta ha origini calabresi, tramandata da mia nonna a mia mamma e da lei a me. D’estate al mare erano una costante sulla tavola della domenica. Io e le mie cugine le mangiavamo come aperitivo mentre la nonna preparava la pastasciutta. E quelle che avanzavano, finivano per essere la nostra cena veloce della sera, prima di prepararsi per il ritorno in città. Finite le scuole, io e le mie sorelle, andavamo a trascorrere l’estate in Calabria dalla nonna. 3 mesi interi al sud, coccolati e viziati dalla nonna. Durante la settimana stavamo in città perché zia doveva lavorare, e poi, il venerdì sera partivamo tutti per il mare. Erano davvero giorni felici, non c’è che dire. Adoravo stare con le mie cugine. Erano più grandi di me, e con loro, mi sentivo più grande anche io. Quella delle polpette di melanzane è una ricetta che adoro. Le melanzane non sono mai state il mio forte. Ma cucinate così, ne ho sempre fatto delle enormi scorpacciate. La morte sua sono fritte in padella, ma se preferite una cucina più leggera potrete anche cuocerle in forno.

polpette di melanzane calabresi

Troverete nel web tante ricette diverse su come preparare le polpette di melanzane. Con la carne o senza. Io vi racconto quella che storicamente accompagna la mia vita.

Ingredienti per una decina di polpette di medie dimensioni

2 grosse melanzane

2 fette di pane raffermo

1 uovo

50 gr di formaggio grattugiato tipo grana

sale

Olio di semi per la frittura

 

Prendete le melanzane, privatele del picciolo e tagliatele a metà. Mettetele a lessare in abbondante acqua e lasciatele cuocere finché la forchetta non affonderà agevolmente nella melanzana dalla parte della buccia. Quando saranno cotte, scolatele e lasciatele raffreddare.

Mettete a bagno in acqua il pane e lasciatelo in ammollo finchè non sarà ben ammorbidito al tatto. Scolatelo e strizzatelo fra le mani per eliminare tutta l’acqua in eccesso.

Strizzate anche le melanzane per eliminare l’acqua di cottura e unitele al pane, buccia compresa. Mescolate con l’uso delle mani per sminuzzare gli ingredienti e amalgamarli tra di loro. Se disponete di una planetaria, effettuate questo passaggio utilizzando la frusta a foglia. Aggiungete l’uovo intero, il formaggio grana grattugiato, e aggiustate di sale.

Scaldate l’olio in una padella dai bordi alti. Con l’impasto ottenuto formate delle polpette dalla forma un po’ allungata, e quando l’olio sarà ben caldo friggete le polpette rigirandole a metà cottura. Quando tutta la superficie delle polpette sarà ben colorita e di colore omogeneo, prelevate le polpette con l’aiuto di una schiumarola e mettetele in un piatto rivestito con carta da cucina per asciugare l’olio in eccesso.

Se l’impasto vi sembra troppo molle, e in cottura le polpette vi si disfano, significa che non avrete strizzato bene gli ingredienti. In tal caso, prima di friggere, passate le polpette nel pangrattato. Risulteranno più croccanti fuori e più tenere all’interno.

Per una cottura più leggera, formate le polpette e disponetele sulla placca del forno rivestita con carta da forno e fate cuocere per circa 25 minuti a 200°.

Anche in questo caso, se volete una crosticina più croccante, cospargete la superficie con pangrattato.

POLPETTE DI MELANZANE CALABRESI