Ieri abbiamo fatto un brunch in famiglia per festeggiare un po’ di compleanni tra cui quello del cucciolo di casa Mattia. La parola brunch è l’abbreviazione inglese delle parole “breaskfast” e “lunch”. Colazione e Pranzo insieme, insomma. E come in tutti i brunch di rispetto, anche nel mio c’era una parte dedicata alla colazione, con tanto di pane e marmellata, yogurt, succhi di frutta, crostata, latte e caffè e questo plumcake allo yogurt alto e soffice.

Alto e soffice come una piuma e con una gobba perfetta, che richiama quello famoso del Mulino Bianco. Il segreto per ottenerla? Leggete la ricetta fino in fondo e scoprirete come farla anche voi.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 45 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni:

Ingredienti

Ingredienti

  • 240 g Farina 00
  • 140 g Zucchero
  • 100 ml Olio di semi
  • 250 g Yogurt bianco naturale
  • 3 Uova
  • 1 bustina Lievito in polvere per dolci
  • Qualche gocce Essenza di limone
  • 1 pizzico Di sale

Preparazione

  1. Lavorate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto bianco e spumoso. Così facendo incorporerete aria che renderà l’impasto più soffice e alto.

    Aggiungete successivamente lo yogurt, l’essenza di limone, l’olio e la presa di sale continuando a mescolare piano.

    Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati, aggiungete la farina setacciata alla quale avrete aggiunto la bustina di lievito.

    Preriscaldate il forno a 180 gradi. Foderate uno stampo da plumcake con la carta forno. Per farla aderire meglio allo stampo io di solito la bagno e la strizzo bene.

    Versate adesso il composto nello stampo.

    Ed ecco il mio segreto: prima di infornare, praticate un’incisione longitudinale con un coltello al centro dell’impasto.

    Lasciate cuocere a 180 gradi, (160 se ventilato) per circa 45 minuti. Fate la prova dello stecchino prima di sfornare. Lasciate intiepidire prima di sformare il dolce.

     

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.