Chi dice Valtellina dice pizzoccheri. Sfido chiunque nel nostro paese a dire di non conoscere questo piatto ricco e succulento. Qui da noi in Lombardia è molto diffuso in montagna, te lo servono ovunque ma si può facilmente preparare anche a casa. Per la sua particolare abbondanza di ingredienti, e burro sopratutto, è un piatto tipico dei mesi freddi.

I pizzoccheri anzitutto prevedono l’uso di una particolare pasta, chiamata pizzoccheri appunto, preparata con grano saraceno per 3/4 e farina di frumento.  La ricetta tipica prevede l’aggiunta di verza, patate, Bitto (tipico formaggio valtellinese a pasta molle), burro e salvia. Nelle varianti più comuni si può sostituire la verza con fagiolini, spinaci, coste; mentre per il formaggio, via libera a qualsiasi formaggio a pasta molle tipo latteria, casera, fontina ecc.

pizzoccheri

La mia personale ricetta prevede l’uso delle coste, perché la parte bianca facilmente si confonde con le patate e quindi i bimbi rognano di meno. Come formaggio, quando non riesco a reperire il Bitto al super, uso della buona fontina.

Ecco come potrete prepararli anche voi:

Ingredienti per 4 persone

200 Gr di pizzoccheri secchi (se optate per quelli freschi la dose deve essere di 80 Gr cad perché rendono meno a causa della maggiore quantità di acqua in essi contenuta)

2 patate grosse

4/5 foglie di coste

120 Gr di formaggio bitto

salvia, aglio

burro in generosa quantità

Pulite le foglie delle coste, spezzatele a metà ed eliminate i filamenti più duri. Tagliatele a pezzi della dimensione di circa 1 cm per lato. Pelate le patate e riducetele a cubetti della stessa dimensione delle coste.

Mettete nel frattempo a bollire una pentola con abbondante acqua salata. Quando bolle, buttate le coste, le patate e i pizzoccheri insieme. La cottura di questo tipo di pasta infatti è piuttosto lunga. Ci vogliono circa 18 minuti, tempo sufficiente per cuocere anche le verdure.

Nell’attesa che cuocia il tutto, tagliate a pezzetti piccoli il formaggio e mettete il burro in un pentolino con la salvia e uno spicchio d’aglio.

Quando mancano 2 minuti alla fine della cottura della pasta, accendete il fuoco e lasciate soffriggere il burro. Fate attenzione a che l’aglio non annerisca troppo.

Scolate adesso i pizzoccheri, versatene metà in una pirofila e cospargeteli con parte del burro fuso, spargete sopra il formaggio e terminate con i restanti pizzoccheri e burro.

Attendete un paio di minuti che il formaggio fonda e servite.

Se non li avete mai assaggiati, provateli, non li lascerete più! Parola di una buona Lombarda!