20150802_160632Il clima è rinfrescato e la famiglia è di nuovo al completo. Quale migliore scusa per riaccendere i fornelli?

Sommersa dal lievito madre questo week end ho deciso di fare il pane per smaltirne un po. Inutile dirvi che il profumo e la fragranza di questo pane hanno fatto la felicità di tutti.

Ingredienti:

500 Gr di semola di grano duro rimacinata

300 Gr di acqua

300 Gr di pasta madre

2 cucchiaini colmi di sale

Sono le 7 di sabato sera, mentre ultimo la preparazione della cena, inizio a preparare il pane per domani.  Per prima cosa ho messo 400 gr di semola nella planetaria, aggiunto 250 gr di acqua e ho iniziato ad impastare: dovrete ottenere un impasto abbastanza compatto che va lasciato riposare per almeno un paio d’ore in un recipiente coperto con pellicola (autolisi).

H 9: Trascorse le due ore ho impastato il lievito madre con l’acqua rimanente, aggiunto l’impasto di semola, il sale e poco alla volta la farina rimasta. (Impastate energicamente per almeno 5 minuti affinché l’impasto risulti compatto e ben incordato. Se necessario aggiungete altra farina, un cucchiaio alla volta). Successivamente ho versato l’impasto sulla spianatoia, fatto tre pieghe e compattato per ottenere una palla. Fatto ciò l’ho messo a lievitare in frigorifero, in un recipiente coperto da pellicola dove l’ho lasciato tutta la notte. (Devono trascorrere circa 10-12 ore).

Ore 8.30 di domenica mattina, stiamo preparando la colazione…ed è ora di togliere l’impasto dal frigo e lasciarlo acclimatare: ci vorranno almeno due ore.

Sono le 10.30, fra poco andremo a fare un giretto, ma prima finisco di preparare il pane: Una volta trascorse le due ore lavorate l’impasto con le mani e fate altre 3 pieghe, dategli la forma a palla e mettete a riposare l’impasto in un cestino, avvolto in un canovaccio ben infarinato con la semola, per altre due ore, avendo cura di lasciare la chiusura in alto. Coprite con un altro telo e lasciate riposare finché non sarà raddoppiato di volume.

20150802_113628

Sono le 12.30 e siamo tornati dalla passeggiata. Adesso è ora di accendere il forno. Temperatura 240 gradi, modalità statica e mettete un pentolino d’acqua sul fondo del forno. Nell’attesa che il forno vada in temperatura, prendete la teglia del forno, ungetela con l’aiuto della carta da cucina e rovesciatevi la pagnotta. Con una lametta o un coltello molto affilato e non seghettato praticate un incisione a croce (o secondo gradimento) per agevolare lo sviluppo del pane in cottura. Per un risultato più scenografico, separate i lembi delle punte dall’impatto sottostante, come se doveste sbucciarlo, e poi riponeteli nuovamente al suo posto.

20150802_135036

Ora che il forno è caldo, mettete il pane a cuocere, nella parte bassa del forno. Per una pagnotta di queste dimensioni, ci vorranno circa 40 minuti.

A circa 10 minuti dalla fine,vi consiglio di capovolgere il pane per fare in modo che anche la parte inferiore si colorisca bene.

È ora di sfornare il pane. Il suo profumo ha riempito tutta la casa. Fra poco sarà pronto anche il pranzo, giusto il tempo che si raffreddi per tagliarlo, e sederci tutti a tavola per gustarlo.

20150802_144206