2015-09-06 12.43.19Di solito la cannella si associa alle mele, ma io ho voluto sperimentare l’accoppiamento con la cugina di stagione: la pera! E direi che il risultato è promosso a pieni voti.  D’altro canto il pero di mio papà continua a produrre frutti in quantità, e per non sprecare bisogna conservare. Via libera ai pasticci con il kenwood quindi!

Ingredienti per 4 vasetti da 400 Gr cad 

2,2 kg di pere mature (qualità Williams io)

400 Gr di zucchero di canna

1/2 mela

1 cucchiaino di cannella in polvere

sbucciate e pulite le pere; tagliatele a pezzetti piccoli e metteteli nella planetaria. Aggiungete la mela sempre tagliata a pezzetti piccoli, poi lo zucchero e lasciate riposare per circa mezz’ora.

Impostate la temperatura a 110 Gr, montate la frusta gommata (flexi), e fate cuocere a modalità cottura nr 1 per circa 10 minuti, poi abbassate a 100 e fate cuocere per circa due ore e 30 Min.

Prima di spegnere fate la prova del piattino: prelevate un cucchiaino di marmellata, mettetela su di un piattino e fate raffreddare. Ponete poi il piattino in posizione verticale; la marmellata, se sufficientemente densa, tenderà a restare ferma, perché si sarà solidificata. Se invece è troppo liquida, lasciate cuocere ancora un quarto d’ora e poi rifate la prova. La consistenza dipende dai gusti ovviamente. Noi la preferiamo un po’ più liquida, ma comunque di consistenza spalmabile.

Quando vi sembra pronta, togliete la planetaria dalla base, aggiungete la cannella e mescolate bene per amalgamare i sapori. Distribuite il composto ottenuto nei vasetti. Richiudeteli subito ad uno ad uno man mano che si riempiono, e metteteli a raffreddare a testa in giù, per creare il sottovuoto.

I vasetti così ottenuti si conservano fuori frigo, ben chiusi, anche un anno. Se invece li conservate in frigo, durano circa un mesetto, ma dubito che duri tutto questo tempo.

Anche se non disponete del kewood cooking chef come la sottoscritta,  potrete preparare comunque questa succulenta marmellata di pere utilizzando il metodo classico e aggiungere la cannella alla fine della cottura prima di invasare.