Gocciole, gioociole e solo gocciole. Per i miei tre figli non esiste colazione senza gocciole, tanto che ne fanno fuori un pacco al giorno. Ci abbiamo provato in tutti i modi a variare ma nulla. O gocciole o niente colazione. Sono  3 giorni che devo andare a fare la spesa e rifornire la dispensa, ma vuoi per un motivo o per l’altro anche oggi ho rimandato l’incombenza a domani. Insomma, non abbiamo proprio frigo e dispensa vuoti, quindi, con un po’ di fantasia e meno pretese, si poteva sopravvivere ancora un po’. Ma la colazione? Rimediata anche quella; ritornata dalla “domenica insieme” in oratorio in occasione della prima confessione di Richi, mi sono messa al lavoro. In poco meno di un’ora il problema è stato risolto.

Avevo già sperimentato una ricetta per preparare le gocciole, ma sebbene fossero buone e spazzolate nel giro di pochi giorni, il mio grandone ha avuto da ridire: “mamma, mi fa, sono buoni ma non sono proprio proprio come quelli che compriamo”, allora oggi ho provato a variare un po’ la ricetta per avvicinarci il più possibile a quella industriale. Ecco come nasce quindi la versione 2.0, che si ispira al blog di Mysia

gocciole

Ingredienti per circa 30 biscotti:

75 gr di burro

75 gr di zucchero

160 gr di farina 00

50 gr di fecola di patate (io tutta farina 00)

1 uovo

12 gr di cioccolato bianco

1 cucchiaino di cacao

un pizzico di sale

un pizzico di bicarbonato

qualche goccia di essenza di vaniglia

70 gr di gocce di cioccolato

Impastate lo zucchero con il burro fino ad ottenere una crema omogenea. Aggiungete poi l’uovo e continuate a mescolare. Incorporate adesso la vaniglia, il cacao, il cioccolato bianco sciolto, la presa di sale e di bicarbonato. Aggiungete infine la farina e la fecola poco per volta e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo e compatto. A questo punto, potete aggiungere le gocce di cioccolato, contiuando a mescolare fino a che non si saranno distribuite in modo uniforme.

Prelevate il panetto adesso, avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in freezer per una decina di minuti. Trascorso questo tempo stendete l’impasto fino ad uno spessore di mezzo cm e ricavate dei tondi con un taglia biscotti o con una tazzina da caffè come ho fatto io. Se volete donare ai vostri biscotti la forma tipica delle gocciole, allungate ogni tondo con le mani fino ad ottenere un ovale, e poi, con la punta del dito ricavate un incavo in uno dei due lati.

Disponete ora i vostri biscotti su di una teglia rivestita di carta da forno e fateli cuocere per circa 12 minuti a 180 gr. Sfornateli e lasciateli raffreddare prima di trasferirli in una biscottiera.

Le gocciole, se durano, si conservano tranquillamente per parecchi giorni al riparo da fonti di umidità. Ok quindi a barattoli di vetro o di latta.

La nostra colazione è andata……e le gocciole sono già quasi finite!!!!