Ed eccomi arrivata all’ultima prova del contest organizzato dal Molino Dallagiovanna. Chi mi conosce bene sa che ormai da sempre alle 11.00 faccio la mia seconda colazione: cappuccio e brioches al bar! La mia coccola quotidiana. Da qualche tempo ho optato per le brioches vegane. Ho sempre pensato che vegano fosse il sinonimo di poco gusto. Di cosa può sapere una brioches senza burro, uova e latte? Di poco o nulla immaginavo. Un giorno, invece, attratta da tutti quei semini mi sono buttata, e devo dire che mi ha sorpreso. Così ho pensato di prepararle a casa. La farina Uniqua rossa del Molino Dallagiovanna è particolarmente indicata per la preparazione di grandi lievitati, croissant e pani rustici e il terzo appuntamento del contest mi è sembrata l’occasione ideale per sperimentare questa nuova ricetta. Il risultato ottenuto è soddifascente, non esattamente quello che avevo in mente, perchè volevo il tipico croissant sfogliato. Ma il sapore davvero niente male; tanto che delle 8 brioches che ho preparato come test, non ne è avanzata nemmeno una. Tutta la famiglia ha gradito: Riccardo (il più schizzinoso) compreso!

Con questo elaborato partecipo al Contest Molino Dallagiovanna indetto dal Gruppo Facebook Pane e Tuli …pani https://m.facebook.com/groups/349374371920870 di Lorenzo Soldini e sponsorizzato dal Molino Dallagiovanna http://www.dallagiovanna.it/

brioches vegane

brioches vegane

Ecco come potrete preparale anche voi:

Ingredienti per 8 cornetti:

250 gr di farina Uniqua rossa Molino Dallagiovanna

110 gr di lievito madre solido

120 gr di acqua

70 gr di zucchero + 1 cucchiaio

1 cucchiaio di malto

30 gr di olio di semi di girasole + 1 cucchiaio

1 bustina di vanillina

4/5 gocce di aroma di arancia

1 pizzico di sale

miele e scorze d’arancia per la farcitura

semini vari per la decorazione

Rinfrescare il lievito madre solido con 110 gr della farina e 60 gr di acqua. Riporre il lievito in un recipiente, praticare il taglio a croce e coprire con coperchio o pellicola fino al raddoppio. Ci vorranno circa 4 ore. Io ho rinfrescato alle 17.30 e iniziato l’impasto delle brioches alle 21.

Spezzettare ora il lievito nella planetaria e aggiungere l’acqua restante (60 gr). Impastare fino a che il lievito non si scioglie, aggiungere poi lo zucchero e la presa di sale. Inglobare infine la farina e per ultimo l’olio. Impastare il tutto finchè l’impasto non incorda. Spegnere la macchina, ribaltare l’impasto su una superficie pulita, fare un giro di pieghe e lasciar riposare l’impasto coperto da una ciotola per circa 30 min. Dopodichè, riprendere l’impasto, rifare un paio di giri di pieghe e riporlo in frigo in una ciotola con coperchio o coperta da pellicola.  Lasciar maturare l’impasto in frigo per 8 ore o tutta la notte.

Al mattino seguente prelevare l’impasto dal frigo e lasciarlo acclimatare per circa 1 ora. Successivamente fare due giri di pieghe e lasciar lievitare la palla unta con un filo d’olio fino al raddoppio. Ci vorranno almeno  4 ore. Quando l’impasto sarà lievitato dividetelo in due e ricavatene due dischi di uguale dimensione. Spennellate uno dei due con due cucchiai di olio e uno di zucchero e sovrapporre l’altro disco di pasta. Stendere successivamente l’impasto per assottigliarlo il più possibile, fino ad uno spessore di mezzo cm. Se l’impasto tira, lasciatelo riposare un paio di minuti, poi continuate a stendere cercando di mantenere la forma tondeggiante.

Dividete il disco in otto spicchi e mettete al centro di ciascuna un cucchiaino di miele e uno di scorzette d’arancia (oppure la farcitura che più gradite). Praticate un piccolo taglio al centro e arrotolate ogni spicchio su se stesso allungando la punta il più possibile e facendo in modo che la chiusura sia sul fondo della brioche.

brioches vegane

Riponete tutte le brioches su una teglia rivestita da carta da forno e spennellate con un goccio d’acqua e zucchero. Distribuite una manciata di semini e ponete le brioches in forno riscaldato a lievitare fino al raddoppio. Io ho formato le mie brioches alle 12 e le ho infornate alle 21.00.

brioches vegane

Al momento di cuocerle, scaldate il forno a 180 gradi e cuocetele per circa 15 minuti. Lasciatele raffreddare prima di conservarle in un contenitore coperte per evitare che secchino troppo, sempre che non vengano spazzolate subito da tutta la famiglia.