Castagnole di Carnevale, soffici e leggere

Ciao a tutti ! Siamo in pieno Carnevale e anche quest’anno vi proponiamo un dolce classicissimo, le castagnole 😛 Frittelle dolci che hanno proprio la dimensione di una castagna.

A dire il vero è la prima volta che mi cimento con dei dolci fritti, ma sono rimasta molto soddisfatta del risultato, avevo paura di fare qualche disastro e invece è andato tutto bene 🙂 Queste castagnole sono venute molto soffici, leggere, friabili e per niente unte. Purtroppo per me sono come le ciliegie, una tira l’altra ! Per fortuna, metà le ho date ai miei assaggiatori ufficiali (i miei suoceri) che hanno molto apprezzato.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti + riposo 30 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    circa 30 castagnole
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina 200 g
  • Uova 2
  • Zucchero 40 g
  • Burro (morbido) 40 g
  • buccia grattugiata di 1 limone
  • Estratto di vaniglia* (io Paneangeli) 1 cucchiaino
  • Lievito in polvere per dolci 8 g
  • Liquore (a piacere) 1 cucchiaio
  • Olio di semi di arachide (per la frittura) q.b.
  • Zucchero semolato (per “condire”) q.b.

Procediamo

Per prima cosa tiriamo il burro fuori dal frigo e tagliamolo già a pezzetti, per farlo ammorbidire un po’. Apriamo due uova in una ciotola, le sbattiamo e aggiungiamo un cucchiaino di estratto di vaniglia.

* In alternativa potete mettere una bustina di vanillina o i semi di una bacca di vaniglia. Nel mio caso ho sbattuto prima un po’ le uova in quanto l’estratto di vaniglia è denso, cosi che si amalgamasse meglio all’impasto. Invece se usate altre cose potete tranquillamente metterle insieme alla farina o allo zucchero.

Prendiamo una ciotola più grande e setacciamo la farina con il lievito, facciamo una buchina al centro e aggiungiamo in resto degli ingredienti: lo zucchero, la buccia grattugiata del limone, le uova, il burro morbido e un cucchiaio del liquore che avete scelto di usare. Io ho messo del whiskey, non avevo altro in casa 😉 Si può usare il maraschino, vin santo, limoncello, strega, amaretto, onestamente penso vada bene un po’ tutto. C’è chi mette il liquore all’anice, ma a me personalmente l’anice non piace per niente.
Amalgamiamo con una forchetta, per far assorbire pian piano tutta la farina, poi impastiamo con le mani fino ad ottenere un panetto liscio e abbastanza morbido.
Lasciamolo riposare per mezz’ora coperto con la pellicola.

Riprendiamo la nostra pasta e iniziamo a preparare le castagnole. Trasferiamoci sul piano di lavoro, leggermente infarinato, anche un tagliere va benissimo. Vedrete che l’impasto sarà un po’ appiccicoso, ma è normale. Tagliamolo in piccoli pezzi di circa 10/12 grammi l’uno e con le mani formiamo delle palline, si sembrano piccolissime ma quando saranno cotte, il lievito avrà fatto il suo lavoro.

Mettiamo l’olio a scaldare, io ho usato un pentolino di acciaio piuttosto piccolo, con i bordi alti cosi da usare meno olio, ce ne vorrà abbastanza da coprire interamente le castagnole.
La cosa difficile è azzeccare la temperatura, che è di circa 175 gradi, quindi se avete un termometro, usatelo, se no come me, andate ad occhio.
Per capire se l’olio è alla giusta temperatura, proviamo a friggere una sola castagnola, se fa le bollicine e viene a galla, ci siamo ! 😀 giriamola per farla dorare per bene. Scoliamola su carta assorbente o carta forno.

Continuiamo cosi con tutte le altre castagnole. Nel mentre che friggiamo, prepariamo una ciotolina con dello zucchero, dove mettiamo le castagnole ancora calde e lo facciamo aderire bene. Se vi sembra troppo, scrollatele un po’ per eliminare lo zucchero in eccesso.

Ancora tiepide sono una vera bomba ! Croccanti fuori e soffici dentro.

Col passare del tempo sicuramente perdono un po’, diventano più dure, ma comunque buone, non trovate la scusa di doverle mangiare tutte per non farle andare a male 😉

A presto e buon carnevale !

Precedente Carote al burro, contorno veloce Successivo Lasagne al forno, con sugo di pomodoro veloce

Lascia un commento