RAVIOLES DELLA VAL VARAITA

I Ravioles della Val Varaita , gnocchi di patate molto sostanziosi, lavorati con  formaggio Tomino di Melle stagionato o fresco, uova, farina e un goccio di panna, sono  tipici delle valli occitane in provincia di Cuneo.
Ravioles fa pensare al raviolo , in realtà il nome si riferisce al gesto che si compie per dare la forma allo gnocco , ossia staccare un pezzetto di pasta ,arrotolare con il palmo della mano sulla tavola di legno e dare la forma tipica leggermente allungata e cicciotta .. a seconda della zona la dimensione dello gnocco può essere più o meno lunga  .ravioles della val varaita foto blog

RAVIOLES DELLA VAL VARAITA

Ingredienti per 4 persone :
900 g di patate
300 g di farina 00
200 g di tomini ( o toma )
2 tuorli
pizzico di sale fino
Farina di semola per il piano di lavoro q.b.

Per condire
100g burro
salvia q.b ( o altra erbetta a piacere )

Preparazione:
Lavare bene le patate e lessare con la buccia  in abbondante acqua , non salata per circa 30- 35 ,calcolando i tempi di cottura da quando l’acqua prende il bollore . Scolare , pelare e passare con lo schiacciapatate . Aggiungere il formaggio tritato , farina, tuorli e pizzico di sale fino. Impastare bene ed eventualmente , aggiungere ancora un po’ di farina se il composto risulta ancora molle.Quando l’impasto è pronto , staccare dei pezzetti di pasta si possono arrotolare subito con il palmo della mano e dare la forma allungata , oppure come nel mio caso ( utilizzo il metodo degli gnocchi classici ) formo i cilindri , divido in pezzetti uguali e  a mano a mano li allungo . Fare asciugare sulla spianatoia , spolverati con farina di semola.ravioles della val varaita pass 1
Portare a bollore abbondante acqua salata e lessare gli gnocchi . A mano a mano che salgono in superficie,scolare con la schiumaiola e condire con burro fuso e salvia  . Servire subitoravioli della val varaita pass 2

Segui la pagina Il Leccapentole E Le sue Padelle , trovi ricette e tante novità!ravioles della val varaita foto blog 2

Precedente GNOCCHI AL CASTELMAGNO Successivo POLPETTINE FRITTE DI BOLLITO E RICOTTA