PANDORO N° 2 : CIOCCOLATOSO ALLA NOCCIOLA

Manca poco a Natale e nell’aria c’è un’atmosfera magica: tutto intorno a noi ci entusiasma. Come è bella questa festa !!  .. La famiglia si riunisce e  la tavola per 6 persone ,come per incanto si trasforma per 20..si riempie di leccornie di tutto un po’ ..si scambiano regali, baci, abbracci, come se non ci  vedessimo da tempo e invece era solo ieri .. quella magica armonia entra dentro di noi ..
Ogni anno nella lista del menù per la mia famiglia,  non possono mancare i piatti classici tradizionali: ravioli, cima, torta di carciofi ( pasqualina ) , insalata russa e antipasti a gogò. Immancabile come dolce il classico Pandolce genovese e il Pandoro che è quello più gettonato dai bambini e anche da me.. poi aggiungiamo i piatti nuovi :
il mio 1° Pandoro anno 2014 preparato con il lievito di birra è piaciuto tanto ai miei commensali che per 2 anni di seguito ha fatto capolino sulla mia tavola. Per quest’anno ho voluto provare un’altra ricetta , simile ma con qualche variante e da adesso in poi negli anni a venire i miei Pandori avranno un nome e daranno i numeri: vi presento Ercole:pandoro-n2-cioccolatoso-alla-nocciola-foto-blog-jpg

PANDORO N°2:CIOCCOLATOSO ALLA NOCCIOLA

Categoria : Dolci , NATALE

Ingredienti:

1° Passaggio : Lievitino
75 ml di latte intero
4 gr di lievito di birra liofilizzato
10 gr di zucchero
50 gr di farina 00
1 tuorlo

1° Impasto
20 ml di latte
3 gr di lievito liofilizzato
30 gr di zucchero
1 uovo intero a temperatura ambiente
Lievitino
225 gr di farina manitoba
30 gr di burro a temperatura ambiente

2° passaggio:  Impasto:
1° Impasto
2 uova intere
100 gr di zucchero semolato
1 pizzico di sale fino
Aromi a piacere ( vaniglia , buccia d’arancia .. )
225 gr di farina manitoba

3° passaggio: sfogliatura
140 di burro a temperatura ambiente
farina manitoba qb

Per la copertura del Pandoro:
400 gr di cioccolato fondente con nocciole

Preparazione:

1° LIEVITINO: Sciogliere il lievito con latte e zucchero , aggiungere l’uovo, amalgamare bene al liquido ed unire la farina . Lavorare bene il composto fino a che risulta  liscio e cremoso . Mettere a lievitare coperto, lontano da correnti d’aria ( meglio se all’interno del forno spento, con la luce accesa ) per circa 2 ore. Quando ha raddoppiato il suo volume , procedere subito con il passaggio successivo.pandoro-n2-cioccolatoso-alla-nocciola-lievitino png
1° IMPASTO: nella planetaria ( o altro recipiente) sciogliere il lievito con latte e zucchero , aggiungere l’uovo, amalgamare bene , unire il lievitino e lavorare per qualche minuto. Inserire il gancio ( oppure utilizzate le fruste o lavorate a mano se preferite ), versare la farina setacciata e lavorare per 4 – 5 minuti aggiungere il burro poco per volta e proseguire la lavorazione per almeno 7 – 10 min .. fino a che il composto appare bene incordato. Coprire l’impasto e lasciare lievitare coperto , per altre 2 ore ripetendo la modalità del passaggio precedente .pandoro-n2-cioccolatoso-alla-nocciola-1°-impasto
2° IMPASTO: versare all’interno della planetaria il 1° impasto , uova, zucchero, sale , aromi  e farina . lavorare per circa 10 minuti. Coprire e lasciare lievitare per circa 3 ore ( stessa modalità dei passaggi precedenti.pandoro-n2-cioccolatos-alla-nocciola-2°impasto png
3° SFOGLIATURA: spolverare con poca farina  il piano di lavoro , rovesciare l’impasto lievitato e con le mani schiacciare e allargare leggermente fino a dare una forma il più possibile rettangolare .Stendere delicatamente con il matterello,  coprire la superficie con fiocchetti di burro sparsi, lasciando liberi i bordi. Ripiegare 2 lati verso l’interno, sovrapponendoli , ottenendo così 3 pieghe.. Lasciare riposare in frigo , coperto per circa 15 minuti.PANDORO-N2-SFOGLIATURA -PNG
Riprendere la sfoglia e stendere nuovamente con il matterello , facendo attenzione a non far fuoriuscire il burro dai lati. Ripiegare i due lati sovrapponendoli e senza far riposare in frigo , stendere la pasta e ripiegare in due . Portare gli altri 2 estremi verso l’interno fino a formare un pacchetto. . PANDORO-SFOGLIATURA -2.PNGPremere leggermente con le mani ( la pasta potrebbe lievitare un pochino ) con le dita della mano sigillare il centro del pacchetto e dare la forma di una palla . Imburrare abbondantemente lo stampo da pandoro da  750 gr. Adagiare l’impasto con la parte liscia all’interno dello stampo e la parte della chiusura a vista . Premere l’impasto delicatamente ( in questo modo mentre lievita , riempie tutto lo spazio dello stampo ) . Lasciare lievitare nella parte meno fredda del frigo per almeno 8 – 10 – ore o fino a che raggiunge il bordo .PANDORO-N2-SFOGLIATURA-2-1-PNG
COTTURA:Preriscaldare il forno a 180°e cuocere per circa 40 minuti totale.Mettere sul fondo una teglia con dell’acqua calda. Dopo i primi 15 minuti di cottura  abbassare la temperatura a 160° e terminare la cottura. Togliere dal forno e lasciare raffreddare il Pandoro all’interno dello stampo.pandoro-n2-cottura-png
COPERTURA AL CIOCCOLATO:  tritare grossolanamente  il cioccolato alle nocciole e far sciogliere a bagno maria o nel microonde. Versare il cioccolato sul Pandoro, lasciare ricadere in maniera naturale e lasciare solidificare .pandoro-n2-copertura-cioccolatoso.png

Se ti è piaciuta la ricetta , clicca sulla mia pagina Facebook Il Leccapentole E Le Sue Padelle e troverai tante novità!PANDORO-N2-CIOCCOLATOSO-ALLA-NOCCIOLA-FETTA

 

 

Dolci, NATALE / , ,

Informazioni su Fernanda

Mi chiamo Fernanda, sono sposata, casalinga e mamma di Chiara. Da sempre con la passione per la cucina e da sempre con le mani in pasta. Qualche anno, fa incoraggiata da amici e famiglia (stanchi di essere le cavie dei miei piatti), ho aperto il primo blog. Dopo un anno sono approdata con il mio blog su un'importante piattaforma televisiva, poi su una web. Ho partecipato a show cooking, ospitate in tv , spot pubblicitario per una grande azienda e a numerosi contest ottenendo riconoscimenti. Collaboro con le mie ricette per produttori di rilievo e per un'importante Libreria on-line dedicata agli e-book di cucina .. Occasionalmente sono docente in una scuola di cucina a Genova. La mia è una cucina tradizionale, fatta con prodotti semplici del territorio lavorati con fantasia. Il mio blog è presente sui principali social network Che dire di più': e' giunta l’ora di andare in cucina !

I commenti sono chiusi.