Patate sabbiose – contorno semplice

Print Friendly, PDF & Email

Al forno, fritte, in padella le patate sono uno dei contorni più graditi. Oggi vi presento una ricetta semplice, ma sfiziosa, per preparare delle patate diverse dal solito.
Le patate sabbiose, dette così per “l’effetto sabbia” che si crea sulla superficie grazie ad una leggera panatura, sono il contorno ideale per accompagnare, con un gusto particolare, secondi sia di carne che di pesce.
patate
Ingredienti per 6 persone
– 800 gr di patate
– 1 parte di pangrattato – 1 parte di farina di mais
– rosmarino, salvia, pepe (o insaporitore per patate)
– olio evo q.b.

– sale q.b.
– fromaggio grattuggiato (a piacere)
Il procedimento è semplice. Per prima cosa peliamo e laviamo bene le patate. Le asciughiamo e le tagliamo a spicchi (potete anche tagliarle a tocchetti, in base al vostro gusto). Le asciughiamo nuovamente e prepariamo la panatura. In una ciotola abbastanza ampia uniamo le due farine e gli aromi che preferiamo, ma NIENTE sale per il momento!!!
patate
Versiamo le patate (che vi consiglio di lavare e asciugare più volte) nella ciotola e mescolare bene per far aderire bene la panatura. Prendiamo la nostra pirofila, la ungiamo con dell’olio e ci sistemiamo dentro le nostre patate cercando di non farle sovrappore fra loro. Cospargiamo con la panatura avanzatasul fondo della ciotola, irroriamo con dell’altro olio e, a piacere, cospargere con del formaggio grattuggiato.
patate
Cuocere in forno a 180/200° per circa un’ora. Dieci minuti prima di ultimare la cottura, le muoviamo delicatamente e le saliamo. Le rimettiamo così in forno per ultimare la cottura in modalità grill.
Gli accorgimenti per la buona riuscita di questa ricetta, come potete notare, sono pochi…ma fondamentali!Le patate saranno ben dorate, la panatura le renderà ancora più gustose e fragranti.

Precedente Torta fredda yogurt e amaretti - con gelee di pere e cioccolato Successivo Chips - patatine homemade

2 commenti su “Patate sabbiose – contorno semplice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.