Crea sito

Sfinci

Le sfinci o spinci,sono dei dolci caratteristici della provincia di Trapani, preparati durante le festività natalizie,ma ogni occasione e buona per cucinarli.La sfincia è un dolce di origine araba,infatti Il nome deriva dalla radice della parola araba “isfang” che significa appunto frittella di pasta morbida.La sfincia è un dolce tipicamente povero e fatto con ingredienti semplici come farina, latte e patate, ma vi posso assicurare che il risultato è principesco,tradizionalmente viene realizzato a forma di ciambellina con il buco,o semplicemente buttandoli a cucchiaiate nell’olio bollente ottenendo delle forme simili alle zeppole.

sfingi

Sfinci

Ingredienti:

  • 500 g di patate
  • 1kg di farina di grano duro
  • 30 g di lievito di birra
  • la buccia grattugiata di un limone e di un’arancia non trattati
  • 800 g di latte
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaio di semi di anice e se lo trovate un cucchiaino di cardamomo macinato
  • il succo di 1 arancia

Per friggere: 

  •  olio di arachide.

Per spolverizzare:

  • zucchero semolato e cannella.

Preparazione:
Lessate le patate in acqua salata, sbucciatele e passatele nello schiacciapatate.
Versate la purea dentro una grossa ciotola ed aggiungete la farina, il latte, il pizzico di sale,i semi di anice, la scorza grattugiata degli agrumi e la spremuta d’arancia.
Impastate accuratamente, fino ad ottenere un impasto omogeneo e morbido.
Lasciate riposare per 60 minuti.
Friggete le sfinci a cucchiaiate o dandovi la classica forma a ciambella in olio molto bollente, fino a quando avranno preso un bel colore dorato.
A cottura ultimata, posatele sulla carta assorbente,quindi sistematele su un piatto da portata e serviteli ben caldi dopo aver spolverizzato sopra zucchero semolato e cannella.sfinci

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui per non perdere nessuna novità!

Pubblicato da laziaannacucina

Non c’è posto al mondo che io ami più della mia cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta: purché sia una cucina,in un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. Magari con tanti strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.Un luogo che condivido volentieri con gli amici a me cari….Credo che queste parole scritte da (Banana Yoshimoto) descrivano in pieno la mia persona....Mi chiamo Anna Bevilacqua e sono una cuoca quasi in pensione,sono siciliana,nata a Marettimo,una delle isole Egadi,vivo nel Monferrato in Piemonte e amo tantissimo cucinare,per questo motivo ho deciso di condividere con voi le mie ricette,grazie per aver visitato il mio blog,spero che ci torniate spesso...e se avete delle domande non esitate a contattarmi.