Crea sito

Cannoli siciliani

I cannoli siciliani sono una delle specialità più conosciute della pasticceria isolana.Come tale è stata ufficialmente riconosciuta e inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani.In origine venivano preparati in occasione del carnevale; col passare del tempo la preparazione ha perso il suo carattere di occasionalità ed ha conosciuto una notevolissima diffusione sul territorio nazionale, divenendo in breve un rinomato esempio dell’arte pasticcera italiana nel mondo.Si compone di una cialda di pasta fritta (detta scòrza e lunga da 15 a 20 cm con un diametro di 4–5 cm,fatta di farina di grano tenero,uova,caffè, zucchero e strutto) con la pasta si formano piccoli dischi che vengono arrotolati su piccoli tubi di metallo e poi fritti, tradizionalmente nello strutto, oggi anche in olio di semi. Il ripieno tradizionale consiste di ricotta di pecora setacciata e zuccherata.

cannoli-siciliani-16

Cannoli siciliani

Ingredienti per le scorze:

  • gr.500 di farina 00
  • 50 gr. strutto
  • 60 gr. zucchero
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 1 tazzina di caffè ristretto
  • 1 tazzina di aceto
  • un pizzico di cacao
  • qb.di marsala

Preparazione:
In una ciotola grande versate la farina, lo strutto sciolto, lo zucchero,il cacao, il tuorlo,la tazzina di caffè e di aceto e un pizzico di sale, iniziate a impastare unendo anche il marsala(cominciate con una tazzina e aggiungetene ancora se l’impasto lo richiede) fino ad ottenere un impasto liscio e ben sodo.Se volete usare la planetaria,mettete dentro la ciotola tutti gli ingredienti e impastate per 7/8 minuti. Lasciate riposare l’impasto per almeno un’ora coperto con la pellicola trasparente a temperatura ambiente.Prelevate dall’impasto delle piccole porzioni che passerete nella macchina sfogliatrice, l’ultimo passaggio deve essere al numero 2 della regolazione.Stendere la sfoglia sul piano da lavoro e ricavate tanti cerchi con un coppapasta del diametro che preferite,bagnate le due estremità del cerchio con il bianco d’uovo sbattuto per sigillare la sfoglia attorno al cilindro d’acciaio del cannolo.Mano a mano che li preparate friggeteli in abbondante olio di semi,vi consiglio di usare una pentola a bordi alti. Quando cominciano a dorare toglieteli dall’olio e lasciateli raffreddare sopra un foglio di carta assorbente,quindi liberateli dal cilindro e andate avanti con gli altri.
P.S.Per conservarli (un paio di mesi circa), metteteli in una scatola di latta con della carta assorbente ad ogni strato. Con queste dosi si ottengono circa 50 scorze di 12 cm,circacannoli siciliani Collage

Per la farcitura:

  • gr.500 di ricotta di pecora
  • gr.200 di zucchero
  • 1 bustina di vaniglia
  • gocce di cioccolato
  • frutta candita ( a chi piace)

Procedimento della farcitura:

Mettete in un colapasta la ricotta condita con lo zucchero,coprite con pellicola trasparente e                   lasciate scolare con un piatto sotto il colapasta,tutta la notte in frigorifero.Al mattino,passate la               ricotta in un setaccio a maglia fine e finite di condire con la vaniglia e le gocce di                                     cioccolato,riempite i cannoli con questa farcitura e decorate con zucchero a velo e frutta                         candita,potete usare anche la granella di pistacchio.

Pubblicato da laziaannacucina

Non c’è posto al mondo che io ami più della mia cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta: purché sia una cucina,in un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. Magari con tanti strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.Un luogo che condivido volentieri con gli amici a me cari….Credo che queste parole scritte da (Banana Yoshimoto) descrivano in pieno la mia persona....Mi chiamo Anna Bevilacqua e sono una cuoca quasi in pensione,sono siciliana,nata a Marettimo,una delle isole Egadi,vivo nel Monferrato in Piemonte e amo tantissimo cucinare,per questo motivo ho deciso di condividere con voi le mie ricette,grazie per aver visitato il mio blog,spero che ci torniate spesso...e se avete delle domande non esitate a contattarmi.