Il caffè dei ricordi…….

Manuel caffè

Il caffè…..mia linfa vitale……

Potrei vivere un giorno senza caffè ?

No !

Impensabile, improponibile !

Mattino : mi alzo, prendo il mio caffè, Manuel caffè e metto subito su la moka, eh si, perchè io, in queste cose sono all’antica, niente macchine da caffè espresso (a casa), solo una vecchia caffettiera che racchiuda in se la patina del tempo che passa.

E con un biscotto raffinato come le langues de chat :

Manuel caffèLingue di gatto decorate

e una vecchia caffettiera…….

http://www.manuelcaffe.it/

 

E mi ricordo . . . . il mio primo approccio con il caffè è stato con nonna Francesca, la mia nonnina adottiva, la vicina di casa che per me è stata una delle figure femminili più importanti della mia vita…

Il caffè, il suo, era unico, come lo preparava lei, calabrese verace, nessuno !

Per lei era un rito preparare il caffè “Simonina ti faccio un caffeino” mi diceva . . . impresse per sempre dentro di me le sue parole dolci e tenere . . .

Ma sapete che ho un altro ricordo ?

Un viaggio : Thailandia, piantagioni di caffè in montagna, l’assaggio di quella bevanda e la foto ricordo alla pianta dalle bacche rosse . . . indimenticabile . . .

 

 

Tagliatelle al caffè con castagne su crema di taleggio

Tagliatelle al caffè con castagne su crema di taleggio

Le Tagliatelle al caffè con castagne su crema di taleggio sono un primo raffinato, con un particolare accostamento di sapori, l’amaro del caffè con il dolce delle castagne e il gusto deciso del taleggio.

Vi consiglio questa ricetta per le feste, magari per la vigilia, o per Natale o San Silvestro.

A far da protagonista nella mia preparazione c’è il caffè, ma non un comune caffè, bensì Manuel Caffè

L’azienda Manuel Caffè locata a San Vendemiano in provincia di Treviso, nasce negli anni ’50 con un laboratorio artigianale di torrefazione di caffè, dalla passione del suo fondatore, Giuseppe De Giusti,  ed oggi la produzione si è allargata anche ad infusi e cioccolata, confezionati in eleganti lattine, la qualità è eccellente veramente, aprendo queste confezioni sono rimasta  prima di tutto colpita dagli aromi, sia del caffè che degli infusi !

Tagliatelle al caffè con castagne su crema di taleggio

Tagliatelle al caffè con castagne su crema di taleggio

Tagliatelle al caffè con castagne su crema di taleggio

Tagliatelle al caffè con castagne su crema di taleggio

INGREDIENTI PER 2-3 PERSONE :

200 gr di semola di grano duro (io ho usato quella del mulino, macinata a pietra)

120 gr di caffè ristretto Manuel Caffè 

200 gr di taleggio

latte q.b

una dozzina di castagne lesse

1 spicchio d’aglio

1 rametto di rosmarino

olio evo

pepe nero

ESECUZIONE :

1) Per la sfoglia : fare una moka di caffè ristretto, forte, e  impastare tutto insieme, semola e caffè caldo, lavorare fino ad ottenere un impasto liscio e far riposare 20 minuti circa.

2) Stendere la pasta o col mattarello o con la macchinetta (se usate quest’ultima passatela più volte per arrivare allo spessore desiderato), quindi tagliare le tagliatelle o a mano o sempre con la macchina.

3) Mentre bolle l’acqua per le tagliatelle, rosolare in una padella l’aglio intero in camicia con il rametto di rosmarino (toglierete entrambi ovviamente dopo).

4) Unire le castagne a pezzetti, far insaporire un istante e allungare con del latte. Spegnere il fornello.

5) Per la fonduta di taleggio : tagliare a tocchettini piccoli il formaggio, e metterli in una piccola casseruola ricoprendoli con del latte a filo.

6) Accendere il fornello e a fiamma bassissima, in modo tale che il taleggio si sciolga lentamente e non coaguli.

7) Cuocere al dente le tagliatelle, saltarle nella padella con le castagne e servirle impiattandole sulla fonduta di formaggio.

 

 

Crostata Monte Bianco al caffè

Crostata Monte Bianco al caffè

Sono abituata fin da piccola ad andare per marroni nei boschi sopra a casa dei miei, a capire le differenze tra castagne (anche se ne esiston di grosse, le pistoiesi) e marroni, e son abituata anche alla farina di castagne di montagna, quella bella scura e profumata.

Quest’anno purtroppo i marroni li ho dovuti acquistare, non son potuta andare nei miei boschi, di solito li faccio lessi oppure a crema, ma ho avuto l’idea di fare una crostata Monte Bianco al caffè.

Un dolce dove il profumo intenso del caffè incontra il dolce connubio marroni-panna.

Il caffè Manuel, una volta aperta la bella lattina, vi avvolgerà con il suo aroma persistente.

Crostata Monte Bianco al caffè

Crostata Monte Bianco al caffè

Crostata Monte Bianco al caffè

L’azienda Manuel Caffè locata a San Vendemiano in provincia di Treviso, nasce negli anni ’50 con un laboratorio artigianale di torrefazione di caffè, dalla passione del suo fondatore, Giuseppe De Giusti,  ed oggi la produzione si è allargata anche ad infusi e cioccolata, confezionati in eleganti lattine, la qualità è eccellente veramente, aprendo queste confezioni sono rimasta  prima di tutto colpita dagli aromi, sia del caffè che degli infusi !

Crostata Monte Bianco al caffè

INGREDIENTI :

Per la pasta frolla :

330 gr di farina 0

120 gr di zucchero

150 gr di burro

50 gr di caffè Manuel

1 tuorlo

1 cucchiaio raso di caffè Manuel in polvere

1 pizzico di sale

Per il ripieno Monte Bianco :

250 gr di panna per dolci montata

250 gr di marroni (pesati da lessi e spellati )

50 gr di zucchero

150 gr di latte

1 bicchierino da liquore di rum

1 cucchiaio di cacao amaro

Per decorare :

200 ml di panna montata

crumble di frolla al caffè

ESECUZIONE :

Crostata Monte Bianco al caffè

 

1) Lessare i marroni mettendoli ad acqua fredda con sale e semi di finocchio (facoltativi) e dal bollore per circa 40 minuti.

2) Nel frattempo preparare la pasta frolla : lavorare il burro morbido con lo zucchero, unire poi il caffè tiepido, ma non caldissimo, mescolare e aggiungere il tuorlo, infine farina, caffè in polvere e sale; fare una palla e mettere a riposare in frigo per almeno 30-40 minuti.

3) Spellare i marroni, metterli in un pentolino assieme al latte, al rum e al cacao e al burro, cuocere rimestando per circa 15 minuti. Passare poi al setaccio.

4) Montare la panna e unirne un po’ dei 250 gr alla purea di marroni, in modo da ammorbidirla, poi aggiungerne la restante parte mescolando con un leccapentole dal basso verso l’altro in modo da non smontarla. Mettere in frigo.

5) Ora preparare la base in bianco della crostata (lasciarne una parte per il crumble): stendere la frolla, imburrare e infarinare uno stampo e rivestirlo, facendola aderire con la pasta; fare dei fori alla base, pareggiare i bordi e mettere un altro stampo sopra in modo che non scendano. Infornare a 180° per circa 10-15 minuti, poi togliere lo stampo messo sopra e cuocere ancora per circa 10 minuti. per il crumble invece fare dei “bricioloni ” di frolla con le dita e mettere su carta forno in una teglia, infornare per 12-15 minuti.

6) Quando la base è fredda riempire con il composto di panna e marroni e decorare con la restante panna, e crumble di frolla al caffè.