Biscotti di Garibaldi

Biscotti di Garibaldi

Questi particolari biscotti, sono, come dice il nome stesso, dei biscotti dedicati a Giuseppe Garibaldi.

Pare che nel 1854, Garibaldi si recò in Inghilterra, nei pressi di New Castle e che questi dolcetti gli furono dedicati e messi in commercio quasi subito.

I biscotti di Garibaldi sono composti da 2 strati di pasta (una specie di pasta brisée) inframmezzati da uvetta, anche se in origine erano ripieni di ribes e marmellata di albicocche, vengono tagliati in rettangoli di circa 3 cm per, spennellati con uovo sbattuto e spolverati di zucchero.

Se ti piacciono le mie ricette seguimi anche qui QUI

 Biscotti di Garibaldi

Biscotti di Garibaldi

INGREDIENTI :

250 gr di farina 00 o 0

50 gr di burro morbido

100 gr di latte

3 gr di lievito per dolci

Fiordifrutta al pompelmo rosa Rigoni

100 gr di uvetta da ammollare

vaniglia (bacca o essenza pura )

1 pizzico di sale

1 uovo per spennellare

zucchero per spolverare

ESECUZIONE:

1) Prima di tutto ammollare l’uvetta in acqua bollente e lasciarvela per almeno 20 minuti. Per la pasta: mettere in una ciotola la farina con il burro preso dal frigo, il sale, il lievito e iniziare a lavorare con la punta delle dita; aggiungere il latte e continuare ad impastare.

2) Dividere l’impasto in 2 parti, stenderne la prima parte in un rettangolo di circa 30 cm per 20, stendere uno strato di Fiordifrutta al pompelmo rosa Rigoni, cospargere di uvetta e poi coprire con la rimanente pasta, stesa anch’essa in un rettangolo. Passare delicatamente il mattarello sopra, in modo da compattare il tutto.

3) Tagliare i biscotti in rettangolini di circa 3 cm per 7 cm, deporli su una teglia ricoperta da carta forno, spennellarli con uovo sbattuto e un po’ d’acqua e spolverare di zucchero.

4) Cuocere a 180° per circa 12-15 minuti.

Il giorno dopo sono ancora più buoni…se resistete!!!

Involtini di maiale con mele zenzero e prugne

Per questo secondo piatto, quasi dal sapore agrodolce, gli involtini di maiale con mele zenzero e prugne, mi sono fatta ispirare dalla novità di casa Rigoni: Fiordifrutta agrumi e zenzero, con solo zuccheri della frutta.

Io ho usato delle squisite meline selvatiche che mi hanno regalato, ma se non le avete usate pure le golden o le granny smith.

Involtini di maiale con mele zenzero e prugne

Involtini di maiale con mele zenzero e prugne

Seguimi anche su Facebook e lasciami un like alla mia pagina se ti piacciono le mie ricette: QUI

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

8 fette di lonza di maiale

16 prugne  secche denocciolate

4 meline selvatiche ( o 2 mele golden)

Fiordifrutta Rigoni agrumi e zenzero q.b.

2 bicchieri di vino bianco o rose’

zenzero fresco

Olio extra vergine di oliva

burro q.b.

pepe nero

sale

ESECUZIONE:

1) Affettare finemente prima di tutto le meline selvatiche (o le golden) lasciate con la buccia.

2) Disporre sulle fettine di lonza le mele a fettine con sopra una prugna e 1 cucchiaino di Fiordifrutta agrumi e zenzero, salare e pepare, poi arrotolarle e chiuderle con uno stecchino.

3) In una padella scaldare olio evo e burro e versare delle fettine di mela e le restanti prugne, disporre poi gli involtini di maiale, far rosolare bene da tutti i lati e dopo qualche minuto sfumare con il vino; aggiungere 1 cucchiaio di Fiordifrutta Rigoni agrumi e zenzero e rimestare.

4) Salare e portare a cottura, ci vorranno circa 15 minuti, verso la fine grattugiare lo zenzero fresco e servire.

Crostata di albicocche, amaretti e cioccolato

Crostata di albicocche, amaretti e cioccolato

Diciamocelo, cosa c’è di meglio che far colazione con una bella fetta di crostata fatta in casa? Ma nulla, nulla di più buono, per me, e se come me amate gli amaretti, allora vi propongo una crostata di albicocche, amaretti e cioccolato, troppo, ma troppo goduriosa!

Se poi, anche voi, amate le cose naturali e leggere, provate ad utilizzare la Fiordifrutta albicocche Rigoni, con solo zuccheri della frutta, biologica, un vero concentrato di frutta, appunto!

Crostata di albicocche, amaretti e cioccolato

Crostata di albicocche, amaretti e cioccolato

Seguimi anche su Facebook : Una Pasticcera matta

INGREDIENTI (12-15 CROSTATINE) :

Per la pastafrolla :

260 gr di farina 0

1 uovo e 1 tuorlo

110 gr di zucchero

120 gr di burro

Essenza di vaniglia pura o bacca di vaniglia

buccia grattata di 1/2 limone

buccia grattata di 1/2 arancia

3 gr di lievito per dolci

Un pizzico di sale

Per il ripieno :

150 gr di Fiordifrutta albicocche Rigoni

12-15 amaretti sbriciolati

40 gr di gocce di cioccolata fondente

ESECUZIONE:

1) Per la frolla : lavorare il burro morbido con lo zucchero.

2) Unire l’uovo, il tuorlo con la vaniglia, un pizzico di sale, la buccia di limone e amalgamare bene.

3) Ora aggiungere la farina, impastare poco, quel tanto che basta per far unire bene tutti gli ingredienti. Fare una palla e metterla in frigo dopo averla ben chiusa nella pellicola. L’ideale sarebbe farla la sera per la mattina come ho fatto io, in modo che la frolla sia ben fredda quando andremo ad usarla.

4) Stenderla ad un’altezza di circa 2-3 mm e ritagliare un cerchio un po’ più grande del fondo dello stampo che andremo ad usare, arrotolarlo poi sul mattarello e srotolarlo sulla nostra tortiera imburrata ed infarinata, facendo aderire la pasta frolla con le dita sui bordi e livellando gli eccessi; bucherellare con i rebbi di una forchetta.

5) Adesso riempire la base di pastafrolla con la Fiordifrutta albicocche Rigoni, poi gli amaretti sbriciolati e le gocce di cioccolato; stendere la rimanente pasta e fare 6 strisce da mettere sopra la crostata.

6) Infornare a 180° per circa 25-30 minuti, se usate uno stampo più grande, prolungate la cottura per altri 5-10 minuti.

7) Spolverizzare con zucchero a velo.

TI PUO’ INTERESSARE ANCHE QUESTA RICETTA VELOCE : CROSTATINE AL LIMONE

Ciambella allo yogurt con gocce di cioccolato e cuor di more

Questa ciambella allo yogurt con gocce di cioccolato e cuor di more la faccio sempre sul lavoro…eh si, io d’estate lavoro come cuoca in uno chalet balneare e tra una frittella abruzzese ( non fatevi ingannare dal nome, è tipo pizza fritta), sforno qualche dolce e altro!

Devo dire che ho anche ricevuto dei complimenti da alcuni clienti e dalla mia collega Claudia, (che ha voluto la ricetta), per la morbidezza di questa ciambella, dal cuore di  Fiordifrutta more di rovo Rigoni!

Si fa veramente in poco tempo, mettiamoci al lavoro ordunque!

 Ciambella allo yogurt con gocce di cioccolato e cuor di more

Ciambella allo yogurt con gocce di cioccolato e cuor di more

SEGUIMI ANCHE SU FACEBOOK: UNA PASTICCERA MATTA

INGREDIENTI :

4 uova

240 gr di zucchero semolato

250 gr di yogurt intero cremoso

180 gr di olio di mais

410 gr di farina 00

24 gr di lievito per dolci (1 bustina e mezzo)

1/2 bicchiere d’acqua

80 gr di gocce di cioccolato

200 gr di Fiordifrutta more di rovo Rigoni

la buccia di 1 limone

un pizzico di sale

ESECUZIONE :

Ciambella allo yogurt con gocce di cioccolato e cuor di more

1) In una ciotola sbattere con le fruste elettriche le uova con lo zucchero e la buccia del limone fino a quando non diventano belle spumose e chiare (come se facessimo un pan di spagna).

2) Adesso si aggiungono lo yogurt e l’olio e si rimesta bene con una frusta.

3) Ora si setaccia la farina con il lievito e il sale e si aggiunge all’impasto amalgamando tutto con le fruste elettriche.

4) Per ultima cosa si aggiungono le gocce di cioccolato al composto, mescolando con delicatezza.

5) Imburrare e infarinare uno stampo da ciambella  e versare metà impasto(vedi foto).

6) Adesso versare al centro (come si vede in foto) la Fiordifrutta more di rovo Rigoni, coprire poi con il rimanente composto.

6) Infornare a 180° per circa 35-40 minuti, fare la prova dello stecchino verso i 35 minuti, se, sopo che lo avete infilato esce asciutto, vuol dire che il dolce è cotto.

La ciambella si conserva per svariati giorni.

Flauti al latte con lievito naturale

Flauti al latte con lievito naturale

Vi assicuro, anzi vi avverto che questi flauti al latte con lievito naturale vi creeranno dipendenza, sono sofficissimi e vanno giù che è una bellezza! E se siete diversi in famiglia, vi consiglio di fare doppia dose!
La farcitura è delicata e leggera, la Fiordifrutta, dal sapore intenso delle fragole, con solo zuccheri della frutta aggiunti.

VARIANTE: Impastate la dose doppia della pasta e congelatene la metà, la potrete tirare fuori il tardo pomeriggio e fare delle brioche, appunto, per la colazione .

Flauti al latte con lievito naturale

Flauti al latte con lievito naturale

Sono anche su Facebook : Una pasticcera matta

INGREDIENTI :

500 gr di farina forte (io ne ho usata una per brioches)

150 gr di lievito madre (QUI trovi come farlo)

100 gr di zucchero

150 gr di burro

2 uova medie

150 gr di latte

la buccia grattata di 1/2 limone

essenza pura di vaniglia o semi della bacca

un pizzico di sale

Per il ripieno :

Fiordifrutta fragole e fragoline Rigoni

ESECUZIONE :

1) Impastare la farina con lo zucchero, la pasta madre, gli aromi, aggiungendo le uova e il latte un po’ per volta, in modo che la farina assorba i liquidi pian piano; lavorare per circa 10 minuti, poi fermare la macchina o se impastate a mano, fermatevi, per 5-10 minuti, il glutine si formerà nel frattempo e la pasta diventerà più morbida ed elastica.
2) Riprendere ad impastare e continuare fin quando l’impasto non sarà bello liscio.
3) A questo punto unire il sale e farlo amalgamare bene.
4) Adesso si aggiunge il burro (deve essere morbidissimo, a “pomata”) in 3 volte, ogni volta deve essere assorbito perfettamente; ungere una ciotola, fare una palla e mettere a lievitare fin quasi a raddoppio, indicativamente 2-3 ore a circa 20°-21°.
5) Passato questo tempo si stende la pasta in un rettangolo, lo spessore deve essere di circa 3-4 mm e si tagliano con la rotella dei rettangoli di circa 10×15 cm (però vi avverto che verranno molto grandi, quindi se li volete più piccoli fate ad esempio 8×12 cm ) tagliate perpendicolari al lato più corto dei tagli con la rotella fino a circa 1/3 del lato lungo, mettete la Fiordifrutta centralmente e arrotolate, partendo dalla parte senza tagli, come fossero dei piccoli strudel, spennellando con del latte per far aderire le “frangette” tagliate.
6) Disporre della carta forno in una teglia e posizionare i flauti un po’ distanziati tra loro; coprire con pellicola e far lievitare fino al raddoppio ( io li ho lasciati a circa 20°-21° e ci sono volute circa 6-7 ore di lievitazione).

8) Spennellare con del latte ed infornare a 170° per circa 15-20 minuti.

 

Plumcake con pere e crema di nocciole -ricetta senza lattosio

Plumcake con pere e crema di nocciole -ricetta senza lattosio

Se avete bimbi o persone in famiglia intolleranti al lattosio, questa è la ricetta giusta per una colazione sana, genuina e golosa! Il plumcake con pere e crema di nocciole è infatti una ricetta che non contiene latte o suoi derivati, come burro o altro.

La crema di nocciole che io uso non è la solita, ma è la Nocciolata senza latte Rigoni, biologica, senza aromi sintetici ne conservanti, con olio di girasole spremuto a freddo, una vera delizia all’insegna del mangiar sano!

Plumcake con pere e crema di nocciole -ricetta senza lattosio

Plumcake con pere e crema di nocciole -ricetta senza lattosio

SEGUIMI ANCHE SU FACEBOOK : UNA PASTICCERA MATTA

INGREDIENTI :

4 uova

300 gr di farina 0

120 gr di zucchero

120 gr di olio di mais

50 gr di acqua

1 grossa pera decana o abate

200 gr di Nocciolata senza latte Rigoni

1 bustina di lievito

semi di vaniglia

1 pizzico di sale

granella di zucchero q.b.

zucchero a velo q.b.

ESECUZIONE :

1) Per prima cosa si unge e si infarina uno stampo da plumcake, poi si montano le uova con lo zucchero a spuma, fin quando il composto non sarà bello chiaro.

2) Dopo si aggiungono l’olio di mais, l’acqua e si mescola con le fruste.

3) Adesso è la volta della farina, il lievito. i semini della vaniglia (si incide la bacca e si gratta) e il sale e si mescola tutto con le fruste elettriche.

4) Una volta che il composto del nostro plumcake è pronto se ne versa circa metà nello stampo, poi si versano delle cucchiaiate di  Nocciolata senza latte Rigoni, si sbuccia la pera, si fa a fettine piccole e si dispone sopra la crema di nocciole, poi si copre con altra Nocciolata e si versa su il rimanente impasto del plumcake e decorare con della granella di zucchero.

5) Infornare  per circa 40 minuti a 180°  (infilare uno stecchino se è asciutto vuol dire che il dolce è pronto); non togliere dallo stampo fino a quando il plumcake non si è  raffreddato. Spolverare con zucchero a velo.

Biscotti ai lamponi e miele

Biscotti ai lamponi e miele

I lamponi sono uno dei miei frutti preferiti, infatti tanti anni fa, ne feci piantare nell’orto a mio padre delle piantine e adesso la coltivazione si è ingrandita così tanto che i miei li congelano.

Domenica scorsa, avendo ancora dei lamponi nel congelatore ho deciso di usarli per fare dei biscotti ai lamponi, senza uova, e con il miele, un miele biologico dal sapore dei fiori come Mielbio  Millefiori Rigoni, un miele che uso di solito al posto dello zucchero, anche nel caffè o nel thè, oltre che nei dolci, come biscotti o ciambelle.

La ricetta è semplice, ma dovete solo far attenzione a far raffreddare bene la pasta prima di stenderla per ritagliare i biscotti.

Biscotti ai lamponi e miele

Biscotti ai lamponi e miele

Biscotti ai lamponi e miele

Seguimi anche su Facebook: Una pasticcera matta

INGREDIENTI PER CIRCA 30 BISCOTTI:

180 gr di farina 0

100 gr di burro

70 gr di lamponi

50 gr di zucchero

30 gr di  Mielbio  Millefiori

semi di vaniglia

sale

ESECUZIONE:

1) Togliere dal frigo il burro e farlo ammorbidire; lavorarlo con lo zucchero e il Mielbio  Millefiori, e unire i semini della vaniglia.

2) Adesso aggiungere i lamponi e mescolare (o con la foglia se usate l’impastatrice o con una forchettona).

3) Ora unire la farina e il pizzico di sale e lavorare l’impasto quel tanto che basta per amalgamare il tutto. Ora appiattire la pasta, impellicolarla bene e metterla in frigo per almeno 45 minuti, io viconsiglio di passarla altri 15 minuti nel freeezer, in modo che sia ben fredda.

4) Stendere ora la pasta ad un’altezza di 3 mm circa e ritagliare dei biscotti nelle forme che preferite.

5) Mettere della carta forno sulla leccarda e infornare per circa 12 minuti.

Adesso non vi resta che servire i biscotti ai lamponi e miele con un bel thè!

 

 

Pardulas rivisitate ricotta e prugnole

Pardulas ricotta e prugnole

Le mie pardulas con ricotta e Fiordifrutta di prugnole selvatiche sono una rivisitazione delle famose  pardulas sarde.

Non si allarmino i puristi, l’impasto delle vere pardulas sarde, infatti, è realizzato con lo strutto, mentre io ho usato del burro e anche per il ripieno ovviamente ho fatto una variante.

Sopra al composto di ricotta, a chiusura delle pardulas, ho messo la Fiordifrutta di prugnole selvatiche, un delizioso preparato a base di prugnole, dal gusto dolce, ma al tempo stesso acidulo, con soli zuccheri della frutta.

Pardulas rivisitate ricotta e prugnole

Pardulas rivisitate ricotta e prugnole

Se ti piacciono le mie ricette seguimi anche su Facebook : Una pasticcera matta

INGREDIENTI (12-15 CROSTATINE) :

per la pasta :

200 gr di farina 00

50 gr di burro

acqua tiepida q.b.

Un pizzico di sale

Per il ripieno :

250 gr di ricotta

80 gr di zucchero

1 uovo

1 tuorlo

buccia grattata di 1/2 limone

buccia grattata di 1/2 arancia

Fiordifrutta di prugnole selvatiche q.b.

Zucchero a velo per decorare

ESECUZIONE:

1) Per la pasta: impastare la farina con il burro freddo, il sale e acqua tiepida quanto basta; fare una palla, avvolgerla nella pellicola e mettere in frigo almeno 30 minuti, meglio 1 ora.

2) Nel frattempo preparare il ripieno in questo modo: lavorare la ricotta con lo zucchero, la buccia del limone e dell’arancio, l’uovo e il tuorlo.

3) Ora si riprende la pasta e si stende un rettangolo di un’altezza di circa 2-3 mm; si ritagliano dei cerchi di circa 6-8 cm di diametro al centro dei quali si mette una cucchiaiata del composto di ricotta.

4) Adesso si pizzicano i lati, (io ho fatto 6 pizzichi) e si mette sopra alle pardulas  una cucchiaiata scarsa di Fiordifrutta di prugnole selvatiche.

5) Infornare a 180° per circa 15-18 minuti.

7) Decorare con una spolverata di zucchero a velo.

Bakewell tart con pistacchi

Bakewell tart con pistacchi

La bakewell tart è una torta inglese con una base di pasta brisée, uno strato di marmellata di lamponi e un ripieno di frangipane alle mandorle.
Io, per la mia bakewell tart ho usato la Fiordifrutta ai lamponi, un delizioso preparato di lamponi con soli zuccheri della frutta.
Per la crema frangipane ho scelto di fare una variante con i pistacchi al posto delle mandorle creando un bel connubio tra il sapore dei lamponi e quello dei pistacchi.

Bakewell tart con pistacchi

 Bakewell tart con pistacchi

Seguimi anche su Facebook : Una Pasticcera matta

INGREDIENTI PER UNA TORTA DI 22 CM DI DIAMETRO:

Per la pastabrisée :

200 gr di farina 0

100 gr di burro

circa 1/2 bicchiere d’acqua

Un pizzico di sale

Per il ripieno :

60 gr di farina di pistacchi

75 gr di zucchero

75 gr di burro

1 uovo

200 gr circa di Fiordifrutta Rigoni ai lamponi

un pizzico di sale

mandorle a lamelle q.b.

pistacchi per decorare q.b

Zucchero a velo per decorare

ESECUZIONE:

1) Per la pasta brisée : lavorare il burro freddo con la farina, usando la punta delle dita, aggiungere l’acqua fredda e il sale e impastare velocemente; mettere a riposare in frigo per 30 minuti (meglio anche di più )in modo che la pasta sia ben fredda quando andremo ad usarla.

2) Per il ripieno: lavorare il burro morbido con lo zucchero, unire poi l’uovo, la farina di pistacchi
e un pizzico di sale, amalgamare bene.

3) Prendere ora la pasta dal frigo, stenderla ad un’altezza di circa 2-3 mm e ritagliare un cerchio un po’ più grande del fondo dello stampo che andremo ad usare, arrotolarlo poi sul mattarello e srotolarlo sulla nostra tortiera imburrata ed infarinata, facendo aderire la pasta con le dita sui bordi e livellando gli eccessi; bucherellare con i rebbi di una forchetta.

4) Versare la Fiordifrutta Rigoni ai lamponi sul fondo della tortiera, e poi riempire col composto di frangipane ai pistacchi, decorare con lamelle di mandorle e pistacchi.

5) Infornare a 180° per circa 40 minuti. Fate attenzione però a coprire dopo 30 minuti con della carta forno o della stagnola la crostata, altrimenti si brucerà, abbassare anche a 170°.

6) Spolverizzare con zucchero a velo.