Torta Margherita

Print Friendly, PDF & Email

Torta MargheritaLa Torta Margherita è un classico delle torte da forno. E’ una torta molto soffice e profumata, ed è ideale da farcire. Ottima con un tè caldo, con il caffè o per una bella colazione.
Questa l’ho preparata in occasione del compleanno di mio figlio, ma la faccio spesso perchè è veloce e non richiede ingredienti particolari.
Non contiene il lievito, pertanto gonfia grazie all’aria incamerata durante il montaggio degli albumi, da un parte, e dei tuorli con lo zucchero dall’altra.
Io la faccio così:
Ingredienti (per 6-8 persone)
– 200 gr zucchero
– 6 uova medie
– 100 gr farina 00
– 100 gr fecola di patate
– 100 gr burro
– 1 bacca di vaniglia
– pizzico di sale.
Procedimento
Ho fatto fondere il burro nel microonde (posizione “scongelamento”) senza farlo scaldare troppo, e l’ho messo da parte.

Ho separato gli albumi dai tuorli e li ho messi in due ciotole diverse. Ho montato i tuorli con lo zucchero e i semi della bacca di vaniglia. Ho montato nella planetaria, con la frusta (si possono usare anche le fruste elettriche, e montare per almeno 25 min) fino ad ottenere un composto chiarissimo, molto gonfio che ha raddoppiato il suo volume iniziale, per circa 20 min. Quindi, ho montato gli albumi a neve fermissima con un pizzico di sale (usando fruste ben pulite) e con una spatola morbida, o con la frusta a mano, ho unito il composto di tuorli agli albumi montati, con movimenti delicati e circolari dal basso verso l’alto. Ho unito ed amalgamato allo stesso modo anche la farina e la fecola setacciate, versandole a pioggia poco alla volta. Infine, ho aggiunto il burro sciolto ma freddo versandolo a filo, lasciandolo colare prima sui bordi della ciotola.
Ho trasferito l’impasto in una tortiera a cerniera di 22 cm, infarinata ed imburrata, e ho passato in forno già caldo a 180° per circa 45 min.
Una volta pronta (la torta si stacca dai bordi quando è cotta), spengo il forno e la lascio dentro qualche minuto poi la tolgo e la lascio raffreddare su una gratella togliendola dallo stampo.
Un volta ben fredda l’ho cosparsa con abbondate zucchero a velo.

Precedente Biscotti al cacao e nocciole Successivo Storia e origine dei biscotti