Pasta fatta in casa: gli Strascinati lucani

Strascinati
La pasta fatta in casa :), amore a prima vista. Oggi vi presento gli strascinati lucani 🙂 .
La pasta fatta a mano oltre a essere gustosa, è anche molto leggera. Nell’impasto non ci sono uova, ma soltanto acqua e farina. Potete mangiarne il doppio di un piatto di pasta trafilata, poichè contenendo molta acqua risulta molto più leggera.

INGREDIENTI
– 300 gr farina di semola di grano duro
– acqua tiepida q.b (circa 150 dl)
– un pizzico di sale
– acqua di bollitura abbondante con sale e un cucchiaino di olio

PROCEDIMENTO
Il procedimento per fare gli strascinati è simile a quello dei cavatelli, con un piccolo passaggio finale in più. Sulla spianatoia versate la farina a fontana, dopo averla setacciata, aggiungete acqua e sale e iniziate a lavorare energicamente finché il composto non risulterà liscio e di consistenza morbida (non deve essere troppo duro altrimenti non riuscirete a lavorarlo.
Lasciate riposare. Dopodiché create dei panetti da cui ricavare dei cilindri lunghi (come da foto). Dopo aver ottenuto tutti i cilindri cospargeteli di farina e tagliateli in “gnocchetti” della lunghezza di 3 dita ravvicinate. Successivamente “cavate” con le 3 dita centrali la pasta. Avrete ottenuto dei cavatelli che aprirete con delicatezza con le mani e riporrete su vassoi. Ecco a voi i nostri strascinati 🙂 .
Potete condirli con rape, peperoni, sughi etc.. si prestano infatti a molti piatti.

Precedente Piadine integrali vegane con pistacchi di Bronte Successivo Strascinati mollicati con peperoni cruschi e salmone