Pasta fatta in casa: i capunti lucani

capunti lucani
Ecco a voi un’altra tipologia di pasta fatta in casa, lavorata a mano e tipica di molti paesi lucani: i capunti. Sono conosciuti anche come cavatelli, ma li differenzio dandogli il nome in uso in un altro paese lucano e inoltre questi vengono cavati con un solo dito, pollice o indice, dipende dalla manualità, ma anche da come ci hanno insegnato. La maestra della pasta fatta in casa è mia mamma e le mie nonne. Da piccina mi mettevo accanto a loro cercando di imparare: i primi risultati? Disastrosi 🙂 , ma crescendo ho imparato ed ora è una passeggiata. Inizialmente ci mettevo quasi un’ora, adesso invece in mezz’ora riesco a preparare porzioni per 4 o 5 persone. Questa pasta può essere anche congelata, il giorno dopo, avendo cura nel sistemarla nelle bustine. Ecco a voi gli ingredienti, che sono pressoché i soliti per la pasta fatta in casa, visto che non vengono utilizzate uova come da tradizione, nella foto potete vedere i vari passaggi chiave per la preparazione

INGREDIENTI 4 PAX
– 300 gr farina di semola di grano duro
– acqua tiepida q.b (circa 160 dl)
– un pizzico di sale
– acqua di bollitura abbondante con sale e un cucchiaino di olio

PROCEDIMENTO
Sulla spianatoia setacciate la farina di semola di grano duro, disponetela a fontana aggiungendo il sale, versate poi gradualmente l’acqua (è indicativa poichè dipende molto dalla tipologia di semola di grano duro) e iniziate a lavorare energicamente finché il composto, “apritelo” spingendo col palmo ((come da foto) non risulterà liscio e di consistenza morbida (non deve essere troppo duro altrimenti non riuscirete a lavorarlo.
Lasciate riposare 5 minuti. Dopodiché formate un grosso cilindro ricavandone dei panetti che andrete a lavorare con le mani fino ad avere dei cilindri lunghi (come da foto). Dopo aver ottenuto tutti i cilindri cospargeteli di farina e tagliateli in “gnocchetti” della lunghezza di 1 cm . Successivamente “cavate” con il pollice o l’indice. Avrete ottenuto dei capunti o cavatelli a un dito. Se vi dovessero avanzare riporrete su vassoi e il giorno dopo congelate. Si prestano molto ai condimenti con le verdure e con i legumi. Presto vi posterò alcuni piatti tipici e non con questa ottima e leggera pasta.

Precedente Basmati con mandorle, tacchino e guacamole Successivo Capunti con cime di rapa e cacioricotta lucano

2 commenti su “Pasta fatta in casa: i capunti lucani

  1. EGIDIA il said:

    FINALMENTE UN SITO SULLA CUCINA LUCANA, LO SEGUIRO’ DI SICURO.
    ANCHE IO SONO LUCANA,.
    E’POSSIBILE RICEVERE RICETTE SULLA MIA MAIL? GRZ

    • lalucanaincucina il said:

      Ciaoooooo Egidia 🙂 seguimi qui..ora sono un po’ libera, se riesco ti mando qualcosa via e-mail.. altrimenti consulta il blog o la pagina facebook :)..
      Un abbraccio immenso

I commenti sono chiusi.