Crea sito

Insalata di lampascioni

Insalata di lampascioni
Ed eccoci tornate all’appuntamento del mese di luglio dell’ Italia nel piatto col tema  “PIATTO UNICO ESTIVO per una bella cena veloce”.

Io voglio proporvi questa insalata di lampascioni che spesso a casa di nonna la sera era proposta come piatto unico accompagnata da fette di pane col pomodoro.
(Fonte web)Pensate che il primo raccoglitore di bulbi ritrovò quasi a 40/50 cm sotto terra un cipollotto di forma tondeggiante e di colore rosso che Oribasio, medico greco di Bisanzio (403-325- a.C ) chiamò lampascione, tradotto in tardo latino diventa lampadio, lampiadonis, quindi lampada. Ricercato anche per le sue presunte proprietà afrodisiache il lampascione acquista un posto di rilievo nei trattati di medicina e nelle diete proposte dai padri della medicina “ Il bulbo commestibile è noto a tutti come cosa che si può mangiare; salutare per lo stomaco, libera l’intestino, è rossastro e favorisce la digestione. Tutti sono aspri, danno calore e eccitano al rapporto sessuale…”.cosi lo descrive nel suo “De medicinali materia” Dioscoride Pedanio (medico greco del I secolo d. C.). Insomma infinite le proprietà nutrizionali di questo bulbo.
Ed ecco a voi questa insalata di lampascioni utilizzata soprattutto come antipasto ma spesso anche come piatto unico vegano accompagnato da pomodori e pane tostato.

INGREDIENTI
– lampascioni qb
– pomodori qb
– 1 spicchio di aglio
– olio evo
– sale qb
– origano qb
– olio evo piccante qb

PROCEDIMENTO
1. Pulite bene i lampascioni, e dopo lessateli in abbondante acqua bollente per 15 minuti circa. Scolateli e rimetteteli a bollire in un’altra pentola con acqua salata in bollitura per altri 15 minuti.
Questo procedimento serve a fargli perdere quel retrogusto amarognolo.
2. Una volta trascorso il tempo, fate raffreddare i lampascioni nella seconda pentola d’acqua e successivamente scolateli.
3. Conditeli con olio, aglio piccante e origano e mettete a raffreddare in frigo prima di servire.
4. Tagliate dei pomodori e uniteli al momento di portare a tavola l’insalata e aggiungete un po’ di origano.

Una scoperta deliziosa per molti che non conoscevano l’esistenza di questo bulbo.

Ed ora un viaggio tra le nostre regioni per scoprire gli altri piatti tipici:

Valle d’Aosta: Insalata di patate e fagiolini con mele e mandorle 
Piemonte: Uova, Pollo e Zucchine in Carpione  
Liguria Cundiun ponentino con gamberi di Sanremo 
Lombardia: Insalata del Campanone con Salame Brianza Dop 
Trentino-Alto Adige: Variazioni di Carne Salada

Veneto: Insalata di polpo alla veneziana 
Friuli Venezia Giulia: Insalata di radicchio, uova e patate
Emilia Romagna: Il ripieno emiliano 
Toscana: Cuscussù con baccalà e ceci 
Marche: Insalata di patate rosse di colfiorito con pomodori e cipolla 
Umbria: Galantina ai peperoni 
Lazio: La tiella di Gaeta 
Abruzzo: Parmigiana di patate del Fucino IGP 
Molise: Capunata cambuasciana 
Campania: Pasta fredda ai sapori campani 
Puglia: Grano alla marinara all’uso di Barletta 
Basilicata: Insalata di lampascioni 
Calabria: Frese con insalata di pomodori
Sicilia: Cous cous con Cozze e Gamberi – 
Sardegna: Sa Merca 

Italia nel piatto: Piatto unico estivo per una cena veloce

l'italia nel piatto

 

Seguici anche su Instagram: @italianelpiatto.
Prova anche tu a realizzare una ricetta inerente al tema del mese!

Pubblica una foto sul tuo account IG utilizzando #italianelpiatto_community e tagga @italianelpiatto.
La ripubblicheremo con piacere e sarai anche tu protagonista!

Pubblicato da lalucanaincucina

Mi chiamo Antonella e sono una lucana puro sangue appassionata da sempre di cucina. Mi piace mangiare bene, bere bene e viaggiare. Vivo da anni in Toscana e la mia terra vive nei mie piatti facendosi conoscere. E negli animi curiosi si insinua la curiosità per la bellezza di una regione sconosciuta e per quelle tradizioni che ancora sono radicate.

2 Risposte a “Insalata di lampascioni”

I commenti sono chiusi.