Torta farcita con pesche, lamponi e crema

torta farcita con pesche, lamponi e crema

Mi sono laureata in luglio, periodo di ferie…e solo a settembre ho potuto radunare gli amici per un rinfresco casalingo: appuntamento alle 7 e un ricco buffet, che mi ha inchiodata in cucina per un paio di giorni (mai divertita così tanto, giuro!). Piatti freddi, dolci e salati, preparati in anticipo, che mi hanno permesso di godermi la serata: un mucchio di tramezzini misti, spiedini freddi, pizza e gnocco tiepidi (questi comprati dal fornaio di fiducia), arachidi, pistacchi salati, patatine & co., spiedini di frutta, palline di cocco e ricotta, tenerina, crostata e infine…LA TORTA! Un pan di Spagna farcito di crema diplomatica e frutta di stagione (le ultime pesche gialle e i lamponi che ancora si trovano), decorato con panna , mandorle e altra frutta. Un’idea tutto sommato semplice e davvero piacevole: è sufficiente per molte persone, è umida e fresca, risulta leggera al palato. Se non avete una valanga di ospiti, potete semplicemente diminuire le dosi…ma poter fare, per una volta, una torta maxi è davvero una grande soddisfazione!

Per uno stampo rettangolare di 24×30 cm (per 20-25 persone):

Per il pan di Spagna:

  • 225 g di farina
  • 225 g di fecola
  • 300 g di zucchero
  • 12 uova
  • 1 bustina e ½ di lievito

Per la farcitura:

  • Crema diplomatica (doppia dose)
  • 4-5 pesche gialle
  • 200 g di lamponi
  • Succo di ½ limone
  • 2 cucchiai di zucchero

Per la decorazione:

  • Circa 400 ml di panna fresca
  • 40 g di zucchero a velo
  • 1 pesca
  • 100 g di lamponi
  • Circa 200 g di mandorle

Preparate il pan di Spagna come spiegato qui (è la stessa ricetta, ho solo aumentato le dosi). Utilizzate però lo stampo rettangolare di 24×30 cm e cuocete in forno preriscaldato a 180° per 45 minuti. Fate la prova stecchino, sfornate e lasciate raffreddare completamente. Nel frattempo lavate le pesche per la farcitura, sbucciatele e tagliatele a pezzetti; trasferitele in una ciotola insieme a lamponi, zucchero e succo di limone; mescolate bene, coprite con la pellicola e lasciate macerare in frigo almeno per un’oretta.

Qualche ora prima di servire la torta, potete farcirla: così potrà riposare in frigo e assestarsi prima della decorazione. Con un buon coltello seghettato tagliate il pan di Spagna in 4 fette orizzontali. Scolate bene pesche e lamponi dal loro succo e diluitelo con un po’ d’acqua. Tenete da parte un poco di crema da spalmare sulla superficie del dolce. Disponete il fondo del pan di Spagna su un vassoio robusto, bagnatelo con ¼ del liquido, distribuite 1/3 della frutta e 1/3 della crema; procedete allo stesso modo con il secondo e il terzo strato. Bagnate il “coperchio” del pan di Spagna nella parte interna (altrimenti resterebbe secco) e appoggiatelo sulla torta. Premete un po’ per compattare il tutto e, se avete tempo, riponete il dolce in frigo: il pan di Spagna si ammorbidirà per bene e il tutto si assesterà.

Tostate le mandorle (basta passarle in forno per alcuni minuti, muovendole un po’, finché sprigionano il classico profumo di “tostato”), lasciatele raffreddare e riducetele in granella (io ho utilizzato il mixer).

Manca solo la decorazione, che vi consiglio di realizzare il più tardi possibile: non ho ancora scoperto come fissare i riccioli di panna!! Spalmate la superficie con la crema rimasta. Montate la panna, unendo verso la fine lo zucchero setacciato. Con una spatola ricoprite di panna tutto il bordo della torta; con le mani (e con molta pazienza) fate aderire la granella di mandorle alla panna. Trasferite la panna rimasta in una tasca da pasticciere e decorate la superficie della torta; completate con alcuni lamponi e fettine di pesca. Potete prendere spunto dalla decorazione che vedete in foto o realizzarla come preferite…neanche a dirlo, è la parte migliore! A questo punto rimettete la torta in frigo, altrimenti la panna crollerà…al momento opportuno, la vostra torta avrà un’entrata trionfale!

A presto con le altre ricette del mio buffet…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.