Linguine al sugo di peperoni con philadelphia e papavero

Ebbene sì amo la pasta come quasi tutti gli italiani.. raramente ho conosciuto persone che non ne sono attratte, posso dire di contarle sulle dita. In casa mia non manca mai, ricette di terra, di mare, pasta all’uovo e impasti speciali a base di verdure.

Nei prossimi giorni troverete nel mio blog una sintesi di tutto il mio magico mondo sul tema. Vi stupirò con la mia pasta  fresca, mediamente una volta la settimana le mani affondano nella farina. Scusatemi se mi sono dilungata troppo, la ricetta di oggi è per coloro che amano provare sapori nuovi e delicati, spaziando in abbinamenti fusion.. per così dire. Di sicuro tanta freschezza e gusto, con un occhio anche all’estetica pulita e semplice.

Bacioni a presto!

Ingredienti per 4 persone

380 gr di linguine
2 peperoni rossi arrostiti
180 gr di formaggio philadelphia
2 foglie di basilico
olio Evo q.b sale e pepe q.b
2 cucchiai di latte
1 cucchiaio di semi di papavero

Disponete i peperoni lavati su una teglia foderata di carta forno e cuocerli per circa 30 minuti a 220 gradi. Trascorso il tempo e verificato che sono abbrustoliti da ambo i lati, toglieteli dal forno, inseriteli in un sacchetto di plastica per alimenti e lasciateli da parte per 5 minuti. (tecnica utilissima per eliminare la buccia senza problemi).

Spellateli, eliminate picciolo, filamenti e semi, poi spezzettate foglie di basilico, salate, pepate e irrorate un filo d’olio Evo.
Mettete tutto in un bicchiere e con il minipimmer a immersione frullate il composto. Ponete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, appena è in ebollizione salate e calate le linguine.

Cuocete al dente seguendo le indicazioni riportate sulla confezione dal produttore della pasta. In una ciotola lavorate il formaggio philadelphia con il latte fino ad ottenere una crema morbida, versate il composto in una padella insieme alla salsa di peperoni, amalgamate bene le due basi.

Non preoccupatevi del fatto che a prima vista sembrerà liquida, il condimento sarà interamente assorbito dalla pasta.
Inserite le linguine al dente e terminate la cottura a fuoco dolce (per evitare che stracci), aggiungendo se necessario qualche cucchiaio di acqua di cottura. Girate con un forchettone possibilmente di legno per far legare i due composti. Dividete nei piatti e terminate con una manciata di semi di papavero.

 

Precedente Canederli funghi porcini e speck Successivo Crostata con lemon curd e fichi neri

Lascia un commento