Carciofi finti arrostiti

Questa è una piccola furbata, i carciofi infatti sono cotti semplicemente in padella ma sembrano arrostiti perchè cotti capovolti. Per avere l’effetto arrostitura, lasciateli leggermente bruciacchiare alla fine della cottura. Perfetti da portare in tavola per stupire i propri ospiti.

  • DifficoltàBassa
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4carciofi
  • 4fettine di salame napoletano
  • 1 spicchioaglio
  • q.b.prezzemolo tritato
  • q.b.sale
  • 1/2 bicchiereolio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Recidete il gambo di ogni carciofo del quale conserverete una piccola parte di 2/3 cm che andrà sbucciato e pulito con cura. Togliete ai carciofi alcune delle foglie esterne più dure e tagliate le punte. Batteteli su un piano per far allargare il centro e lavateli sotto acqua corrente. A parte tritate il prezzemolo e l’aglio e metteteli in un bicchiere con il sale e 1/2 bicchiere di olio; rigirate accuratamente il tutto. Aprite bene le foglie dei carciofi e sistemate all’interno di ogni carciofo una fettina di salame e una certa quantità del composto a base di prezzemolo; mettere al centro di ognuno il pezzetto di gambo precedentemente pulito e tornate a far aderire i petali stringendoli verso il centro. Sistemate i carciofi così preparati, capovolti, in un tegame a bordi alti e di misura adatta perchè possano rimanere dritti con la base verso l’alto e non si muovano durante la cottura. Salate leggermente e versate tanta acqua fino a ricoprirli per più della metà. Incoperchiate il tegame e cuocete a fuoco moderato fino ad evaporazione completa dell’acqua. A questo punto continuare per qualche minuto la cottura per far bruciacchiare le punte dei carciofi.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Tartufini del riciclo Successivo Farfalle con salsiccia e crema di zucchine

Lascia un commento