Uova alla Bela Rosin, legati alla celebre storia d’amore fra Vittorio Emanuele II e la sua amante, la contessa di Mirafiori.

uova_alla_bela_rosin

Sono molti i piatti della cucina piemontese che portano dei nomi in qualche modo legati alla celebre storia d’amore fra Vittorio Emanuele II e la sua amante, la contessa di Mirafiori. Il più noto è costituito dalle “uova alla Bela Rosin”.

La preparazione è molto semplice, basta infatti tritare delle uova sode e servirle con prezzemolo ed olio.

Ingredienti: per 6 persone

sale
pepe
limone
12 uova
olio d’oliva
1 dl salsa maionese

Preparazione: 20′

  • Mettere le uova in una casseruola e coprire con acqua fredda, cuocere per 10 min, poi scolare.   
  • Far raffreddare le uova sotto l’acqua corrente sgusciare con delicatezza e tagliarle nel senso della lunghezza a metà.   
  • Privarle dei tuorli e riempire la cavità rimasta con maionese e tuorlo uniti.

Le uova dei volatili sono ricche di proteine, di vitamina A, B e D, di sali minerali come il fosforo, il calcio, il ferro e lo zolfo; perciò vengono ritenute tra i cibi più nutrienti.

Per il mantenimento di tali principi nutritivi, è molto importante la modalità di conservazione delle uova che, se tenute in frigorifero a temperatura di 2-3 °C, possono conservarsi per diverse settimane. Il guscio delle uova è poroso, quindi, col passare del tempo, il liquido evapora aumentando la dimensione della “camera d’aria” esistente all’interno.

Si ritiene che un uovo destinato al consumo non debba contenere una bolla d’aria che superi i 6 mm di spessore; se tale valore viene rispettato, le caratteristiche nutrizionali si possono ritenere intatte. Le uova in commercio devono in ogni modo riportare sull’imballaggio la data di confezionamento.
Le uova di categoria “extra” sono quelle più fresche tra quelle confezionate; esse riportano direttamente sul guscio la data di deposizione, e si considerano appartenenti a questa categoria per un periodo di tempo di 9 giorni. Per le uova di categoria “A” viene segnalata invece la data dell’imballaggio. In ogni caso, viene sempre indicata la data entro cui è consigliabile consumare l’alimento.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

 
Precedente Agnolotti alla Cavour. Successivo Chiacchiere di Carnevale, un dolce semplice e rustico.

Lascia un commento