Triglie alla livornese.

Poche specie (tra cui la triglia di fango) entrano in acque salmastre.

Questi pesci hanno un aspetto caratteristico ed abbastanza uniforme con corpo abbastanza allungato ed affusolato, fronte ripida, occhio grande, due pinne dorsali ben separate, pinna caudale forcuta e soprattutto due vistosi barbigli sotto il mento.

Ingredienti: per 4 persone

8 triglie piccole (o 4 grandi) pulite
1 cista di sedano
1 manzo di prezzemolo
750 g di pomodori maturi
3 spicchi d’aglio
5 cucchiai di olio d’oliva
1 peperoncino rosso essicato
125 ml di vino rosso secco
saletriglie_alla_livornese

Preparazione: 60’

  • Mondate il sedano e tagliatelo a pezzetti di 1 cm.
  • Lavate e asciuga­te il prezzemolo e tritatelo finemente.
  • Sbollentate i pomodori, spellateli, svuo­tateli di torsolo e semi e sminuzzateli. Pelate gli spicchi d’aglio e affettateli.
  • Scaldate 5 cucchiai d’olio in una padella grande e ro­solate brevemente l’aglio e metà del prezzemolo tritato.
  • Unite le verdure e il peperoncino, mescolate e aggiungete un pizzico di sale.
  • Coprite e lasciate sobbollire la salsa a fuoco moderato per una ventina i minuti, aggiungendo di tan­to in tanto un po’ di vino rosso.
  • Sciacquate le triglie sotto l’acqua, lasciatele a bagno per 15 minuti in ac­qua fredda salata e scola­tele bene.
  • Mettete le triglie nella padella con la salsa, coprite e lasciatele cuoce­re a fuoco lento per 15-20 minuti senza mai girarle.
  • Cospargete le triglie con il resto del prezzemolo trita­to e servitele in tavola con un cestino di pane bianco.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Nasello con panure all'origano e peperoncino.
 
Precedente Pollo alla diavola all'agro. Successivo Tartellette con prosciutto e indivia belga.

Lascia un commento

*