Pàté di maialino da latte in rotolo di frittata.

Pàté di maialino da latte in rotolo di frittata con insalata di porcini.

Il paté è un impasto di carne o pesce tritati e grassi alimentari ridotti al mortaio, in un composto di pasta spalmabile.

Il paté classico francese, si chiama foie gras, del quale è stata limitata la vendita.

Esistono anche paté a base di vegetali.

« I fegatini di volatili sono popolari fin dai tempi antichi, ed i Romani, in particolare, erano affezionati. La loro preparazione richiede molta cura, ma dà risultati notevoli. La maggior parte dei paté può essere preparato in anticipo e fornire riserve per diversi giorni. Curnonsky, pag.401. »

pate_di_maialino

Ingredienti: per 8 persone

Per la frittata:

125 g di farina bianca “00”
1 uovo
250 mi di latte
sale

Per il ripieno:

250 g di carne di maialino disossata
60 g di burro
50 mi di latte brodo vegetale
1/4 di cipolla
1 spicchio d’aglio
maggiorana
salvia
alloro
erba cipollina
sale e pepe

Leggi anche:  Timballini di riso con spezzatino ai funghi.

Per la salsa:

150 mi di Vermut Rosso
40 g di burro
2 foglie d’alloro
30 g di composta di rosa canina
pane bianco raffermo
200 g di funghi porcini

Preparazione: 20’

Cottura: 25’

  • Amalgamate tutti gli ingredienti per preparare le frittatine, ottenendo un’impasto omogeneo, liscio e senza grumi.
  • Passate poi le frittatine in padella, prestando attenzione al grado di cottura.
  • Rosolate la cipolla, l’aglio e le spezie utilizzando solo metà del burro, aggiungete la carne a pezzetti e soffriggetela.
  • Versate il brodo e cuocete per 15 minuti circa.
  • Alla fine unite il latte, l’altra metà del burro precedentemente non utilizzata, il sale e il pepe.
  • Frullate il composto.
  • Spalmate il pàté ottenuto sulle frittatine, arroto­latele e fate raffreddare bene.
  • Fate rosolare le foglie d’alloro e la composta di rosa canina nel burro, deglassate con il Vermut e fate bollire per un istante.
  • Lasciate raffreddare.
  • Tagliate il pàté, che si sarà ormai raffreddato, a fette piut­tosto sottili (3-4 mm circa) e servite a piacere su un’insalatina croccante composta da pane bianco raffermo e 200 g di porci­ni tagliati a fiammifero, arricchita con erbe aromatiche e germo­gli di verdure.
  • Condite infine con la composta di rosa canina.
Leggi anche:  Ricettario Genovese: la cottura dei cibi.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


 
Precedente Caponata profumata alla menta, tipico piatto della cucina baronale siciliana. Successivo Tagliatelle al limone e menta.

Lascia un commento

*