La ciaramicola è un dolce umbro della tradizione Pasquale, semplice ma molto buono e bello a vedersi.

E’ questo il tipico dolce pasquale di Perugia e la tradizione vuole che le ragazze in età da marito lo regalassero ai propri innamorati il giorno di Pasqua. E’ una grossa ciambella dall’aspetto festoso e invitante, coperta da una glassa bianchissima cosparsa di confettini multicolori. La pasta all’interno è di un bel rosa acceso, dato dall’alchermes, che amalgama un composto di farina, uova, burro e lievito in polvere.

La ciaramicola è un po’ il simbolo di Perugia: il rigonfiamento centrale rappresenta la Fontana Maggiore ed i cinque angoli raffigurano i rioni della Città Vecchia. Il rosso ed il bianco sono i colori della città (e della maglia della squadra di calcio), mentre i confettini, di color giallo, verde ed azzurro, richiamerebbero il frumento maturo, i pascoli delle montagne e le acque del vicino Lago Trasimeno. Ormai la ciaramicola si gusta e si può acquistare tutto l’anno, sia presso i fornai che presso la grande distribuzione.

ciaramicola1

Preparazione:

    • Si lavorano insieme farina e agenti lievitanti.
    • Si aggiunge lo strutto (o il burro), lo zucchero, le uova e l’alchermes.
    • Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati si aggiunge rapidamente altra farina.
    • L’impasto dovrà risultare alquanto molle.
    • Una parte dell’impasto viene lavorato a forma di un bastone di circa 5 cm di diametro con il quale si formerà una ciambella che viene sistemata su una teglia ben unta.
    • Con un’altra parte di impasto si formano due rotolini di circa 2 cm di diametro, che verranno sistemati a croce nel centro della ciambella.
    • Con la restante pasta si formano 5 sfere da poggiare sugli incroci e al centro della croce.
    • Con le forbici si intagliano i bordi e le sfere della ciaramicola.
    • Tutte queste operazioni vengono fatte molto rapidamente altrimenti il lievito perderà la sua azione.
    • La ciaramicola si cuoce in forno caldo a 180°-200° C; a cottura ultimata, ancora bollente, viene spennellata la glassa sopra la ciaramicola decorata con confettini colorati.
    • La glassa si rassoderà con il solo calore della torta appena sfornata, oppure viene rimessa in forno tiepido per pochi minuti.
    • Il prodotto fresco va conservato ad una temperatura di circa 6°/8° C per 2/3 giorni al massimo.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

 
Precedente Dolce per il pranzo di Pasqua: pastiera al Grand Marnier con gocce di cioccolato fondente. Successivo Come ogni festa che si rispetti, anche la Pasqua ha le sue (annose) tradizioni culinarie.

Lascia un commento

*