I tortellini in brodo, nati nella gastronomia emiliana e bolognese poi hanno conquistato il mondo.

I tortellini in brodo, nati nella gastronomia emiliana e bolognese poi hanno conquistato il mondo. Il nome di tortellino (in bolognese turtlén, in modenese turtlèin) deriva dal diminutivo di tortello, dall’italiano torta.

L’odierno tortellino è verosimilmente l’erede relativamente recente di una lunga progenie nata in un ambiente povero per “riciclare” la carne avanzata dalla tavola dei nobili ricchi. Nel libro “L’economia del cittadino in villa” di Vincenzo Tanara del 1664 si descrivono dei tortellini “cotti nel burro”. Ancora nel 1842 il viaggiatore e bibliografo francese Antoine-Claude Pasquin (detto Valery, 1789-1847) annotava un ripieno di «sego di bue macinato, tuorli d’uovo e parmigiano», ben più rozzo dell’attuale.

Al giorno d’oggi è possibile reperire tortellini confezionati in ogni parte del mondo, soprattutto dove le comunità italiane hanno una certa importanza. I tortellini confezionati “freschi” hanno normalmente una durata di sette settimane.
tortellini

Ingredienti: per 6 persone

100 g di lonza di maiale
100 g di polpa di tacchino, 80 g di prosciutto crudo
100 g di mortadella
2 uova
100 g di parmigiano grattugiato
brodo

Leggi anche:  Ricette semplici e veloci per Capodanno: Pasta con Pomodoro e Ricotta al Profumo di Basilico.

Per la pasta:

300 g di farina
3 uova
sale

Preparazione: 60’

  • Rosolate con una noce di burro la lonza e il tacchino tagliato a dadini e passatele poi al tritacarne con il prosciutto e la mortadella.
    Unite 2 uova, il parmigiano, sale, pepe e noce moscata e impastate bene il tutto.
  • Preparate la pasta con la farina, 3 uova e poco sale, stendetela in una foglia sottile e tagliatela a quadretti di circa 3 cm di lato.
  • Distribuite su ciascuno, una nocciolina di ripieno, poi ripiegate a triangolo la pasta facendo combaciare i margini.
  • Fate girare ogni tortellini intorno all’indice sovrapponendo le due estremità.
  • Portate a ebollizione abbondante brodo di manzo e cappone, versatevi i tortellini, cuoceteli pochi minuti e serviteli accompagnando con abbondante parmigiano grattugiato.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

 

Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Ricettario Genovese: sapori di funghi, sapori di noci e sapori vari.
 
Precedente Pappardelle dello zar, squisite pappardelle al gusto di salmone. Successivo Riscopriamo le ricette nate fra i monti dell'Alto Adige: i canederli o knodel .

Lascia un commento

*