Chiacchiere di Carnevale, un dolce semplice e rustico.

chiacchiere

Carnevale è una festa in cui il divertimento la fa da padrone anche in cucina.

Tra le ricette tipiche troviamo le famose chiacchiere di carnevale, dolci fritti, friabili e gustosi.
Chiamate anche bugie, frappe, cenci, crostoli, rosacatarre, zonzelle…

… e ancora: pampuglie, grostoli, sfrappole, galani, lattughe, lasagne…stessi nomi per questi deliziosi dolci di carnevale che non sono altro che le antiche frictilia dei Romani che venivano fritte nel grasso di maiale.

Ingredienti: per 30 frittelle

250 g di farina bianca
20 g di burro
2 uova
50 g di zucchero
1 1/2 cucchiaio di Vin Santo o un altro vino dolce
1 1/2 cucchiaio di scorza d’arancia grattugiata
olio per friggere
50 g di zucchero a velo per spolverizzare

Preparazione: 20′ + 30′ di riposo

Cottura: 20’

  • Setacciate la farina su un piano di lavoro e formate un pozzetto al centro.
  • Unite il burro, le uova, lo zucchero, il vino, un pizzico di sate e la scorza di arancia.
  • Incorporate gradualmente gli ingredienti alla farina e lavorate bene la pasta: dovrà risultare morbida pur mantenendo la forma.
  • Copritela con un canovaccio e lasciatela riposare per 30’.
  • Stendetela con un matterello leggermente infarinato formando una sfoglia sottile.
  • Ritagliate rombi, rettangoli e strisce rettangolari che potete annodare, se lo desiderate.
  • Scaldate l’olio fino a quando sarà caldissimo e friggete te chiacchiere, poche per volta, finché saranno dorate.
  • Toglietele dalla padella con un mestolo forato e fatele scolare su carta da cucina.
  • Servitele subito spolverizzate con lo zucchero a velo.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

 
Precedente Uova alla Bela Rosin, legati alla celebre storia d'amore fra Vittorio Emanuele II e la sua amante, la contessa di Mirafiori. Successivo Mustica calabrese, specialità tipica della costa ionica calabrese..

Lascia un commento