Carciofi alla romana, ingredienti e passaggi seguendo la ricetta della tradizione.

I carciofi alla romana sono un piatto tipico della cucina della Capitale.

A Roma si preparano e si servono nei ristoranti soprattutto in primavera. Insieme ai carciofi alla giudia, rappresentano uno dei più famosi piatti a base di carciofi della cucina romana.

A Roma e dintorni questo piatto si prepara con carciofi della varietà Romanesco, raccolti tra febbraio e aprile nella regione costiera a nord-ovest di Roma, tra Ladispoli e Civitavecchia.

Carciofi-alla-romana-alla-giudea-e-fritti

Carciofi alla romana, ecco la ricetta originale. Condividi il Tweet

La Ricetta

Gli ingredienti e i passaggi per preparare i carciofi alla romana seguendo la ricetta della tradizione.

Ingredienti.

ingredients-green-metallic24x24 per 4 persone

8 carciofi romani
50 g prezzemolo
4 foglie menta fresca
olio d’oliva
sale
pepe

Preparazione.

preparacion-green-metallic-24x2430’

  • Tritate finemente con la mezzaluna 50 g di prezzemolo, quattro foglie di menta e uno spicchio d’aglio.
  • Mettete il trito ottenuto in un piccolo piatto, unite una presa di sale, una macinata di pepe e due cucchiai d’olio d’oliva.
  • Mescolate con cura per amalgamare tutti gli ingredienti.
  • Scegliete otto carciofi piuttosto grossi, tagliatene il gambo a un centimetro dalla base ed eliminate le foglie esterne più dure.
  • Tornite i carciofi alla base, servendovi di un coltellino ben affilato.
  • Troncatene la parte superiore, quindi allargate leggermente le foglie e, con l’aiuto di un cucchiaino, togliete il fieno presente all’interno.
  • Lavate gli ortaggi sotto l’acqua corrente, sgocciolateli con molta cura, asciugateli tamponandoli con un canovaccio e riempiteli col trito aromatico preparato in precedenza.
Leggi anche:  I carciofi alla giudia sono l'espressione massima della cultura gastronomica ebraica.

Cottura.

cottura-green-metallic-24x24  40’

  • Sistemate i carciofi, col gambo rivolto verso l’alto, in una pirofila di terracotta, e copriteli quasi completamente con una miscela composta da una parte d’acqua e due parti d’olio.
  • Chiudete la pirofila e passatela nel forno preriscaldato (170°) per circa 20 minuti.
  • Trascorso questo tempo, togliete la pirofila dal forno, girate i carciofi e versate su ciascuno di essi un cucchiaio del loro liquido di cottura.
  • Mettete di nuovo la pirofila in forno e fate cuocere per altri 20 minuti, quindi sfornate definitivamente e servite.

Curiosità.

info25x25_thumb_thumbLa pastà bignè si contraddistingue per la sua caratteristica cavità all’interno che si presta ad essere farcita. I bignè diventano quindi gustosi scrigni per farce dolci o salate.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Un viaggio alla scoperta dei sapori, dei profumi e delle dolcezze nella cucina dell'Italia centrale.
 
Precedente Raccolta di 50 Ricette di Pasqua per festeggiare in compagnia una delle feste più attese dell'anno. Successivo Ingredienti e Consigli per fare un buon fritto di calamari, croccante e asciutto.

Lascia un commento

*