Branzino ripieno con mollica di pane integrale, acciughe e capperi.

Pesce per combattere il cancro alla prostata. La ricetta arriva da uno studio della McGill University pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition.

Una dieta “ittica” è l’arma in più per ridurre del 50% la mortalità di cancro alla prostata. Lo stabilisce una revisione di 31 studi che ha esaminato i consumi alimentari di centinaia di migliaia di pazienti. Nel complesso, i grandi mangiatori di specialità marine hanno avuto il 44% di possibilità in meno di sviluppare metastasi dal cancro alla prostata, mentre un dato suona ancora più interessante: un consumo abbondante di branzino, merluzzo e tonno ridurrebbe la mortalità per cancro del 64%.

Anche se nessuno studio è riuscito a dimostrare i benefici del pesce contro le neoplasie prostatiche, sembrano però accertati quelli che evitano la diffusione metastatica del tumore. Quanto pesce si deve mangiare? Molto è la regola, anche se i ricercatori guidati da Konrad M. Szymanski non si spingono a suggerire con precisione quanto.

branzino_ripieno2

Ingredienti:

Leggi anche:  Carpaccio di tonno allo zafferano.

1 branzino di 1 kg –
origano
2 spicchi aglio
olio d’oliva
sale
pepe

Per il ripieno:
1 tazza mollica di pane integrale
2 cucchiai capperi sott’aceto
1 cucchiaio prezzemolo tritato
6 acciughe
2 spicchi aglio
4 cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato
1 limone (succo)
sale
pepe

Preparazione: 15’

Cottura: 30’

  • Pulite il branzino all’interno, squamatelo con un coltellino, sciacquatelo e scolatelo perfettamente.
  • Fate il ripieno mettendo a bagno la mollica, poi strizzatela e ponetela in un recipiente dove unirete il prezzemolo tritato, l’aglio pestato, i capperi pure tritati, le acciughe sminuzzate e il formaggio grattugiato.
  • Impastate bene il tutto aggiungendo sale e pepe.
  • Lasciate riposare il ripieno per una decina di minuti, quindi farcite il pesce che mettere in una pirofila da forno.
  • Irrorate di olio o succo di limone, aggiungete l’aglio intero, il sale, il pepe e l’origano e ponete in forno tiepido per 20 minuti circa.
  • Inumidite il pesce con cucchiaiate del suo sugo e fatelo cuocere altri 10 minuti circa a fuoco vivo.
  • Servite il pesce caldo su di un piatto di portata guarnito con ciuffi di prezzemolo, capperi e fette di limone.
Leggi anche:  Tranci di pesce spada con pomodorini e peperoncini.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

 
Precedente Affogato alla banana, mandorle e limone. Successivo Il meglio della cucina ligure: ricette saporite, elaborate e in genere poco dispendiose.

Lascia un commento

*