Baccalà alla messinese.

Capire l’importanza delle proprietà nutrizionali del baccalà è fondamentale per chi necessita di alimenti poveri di grassi ma con ricchi contenuti proteici, vitaminici e di Sali minerali.

Proprio grazie al suo basso contenuto di grassi (notevolmente minore rispetto alla carne rossa), il Baccalà, si è meritato il titolo di “Pesce Magro” per eccellenza; questa peculiarità lo ha portato ad essere presente nei piatti di chi deve seguire delle diete, come soggetti obesi o sovrappeso e in particolare in soggetti con patologie come l’ipertigliceridermia e l’ipercolesterolemia.

baccala_alla_messinese

Ingredienti: per 4 persone

800 g di filetti di baccalà (te­nuto a bagno per 24 ore, cambiando spesso l’acqua)
una cipolla,
300 g di pomo­dori da sugo
4 grosse pata­te
una manciata di uvetta
2 cucchiai di pinoli,
un cuc­chiaio di capperi
una manciata di olive nere
olio,
sale
pepe

Preparazione: 120′

  • Sciacquate il baccalà sotto l’acqua corrente, asciugatelo e tagliatelo a pezzi piuttosto grossi.
  • Mondate e affettate sottilmente una cipolla, scottate per qualche istante i pomodori in acqua bollente, privateli della pel­le e dei semi e tagliateli a pezzi.
  • Mettete la cipolla in una casseruola con 3-4 cucchiai di olio, lasciatela dorare, poi aggiungete i pomodori.
  • Lasciate cuocere per una decina di minuti.
  • Nel frattempo met­tete a bagno l’uvetta in poca acqua tiepida.
  • Snoccio­late le olive.
  • Unite al sugo di pomodoro il bac­calà.
  • Aggiungete sale e pepe e lasciate insa­porire per pochi minuti.
  • Quindi mettete iI coperchio e cuocete per un’ora a fiamma bassissima.
  • Dopo­diché unite l’uvetta strizza­ta, i capperi, le olive snoc­ciolate e l pinoli.
  • Aggiunge­te anche le patate pelate, lavate e tagliate a tocchetti, e portate a cottura per 40 minuti ancora, aven­do l’avvertenza di tenere sempre la fiamma bassa e il recipiente coperto.
  • Se fosse necessario unite un pochino di acqua calda.
  • Tenete presente che, a cot­tura ultimata, il sugo dovrà risultare piuttosto abbon­dante.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog: