Anatra brasata all’arancia.

L’anatra è molto apprezzata in cucina per le proprietà della sua carne: rossastra e leggermente più grassa del pollo è ottima arrostita e specialmente negli abbinamenti con la frutta: con gli agrumi, con le ciliegie, con le castagne.

La parte più pregiata è il petto, ma anche le cosce sono molto gustose.

La cucina francese ha poi una vera passione per il fegato (Foie gras), anche se quello di anatra è considerato meno pregiato di quello d’oca: è anche famoso il prosciutto, dal sapore raffinato ma che presenta problemi di conservazione.

anatra_brasata_all'arancia

un’anatra pulita da 1,5 kg
2 arance non trattate
un limone
2 cucchiai di zucchero
un cucchiaino colmo di amido di mais (o fecola)
2,5 dl di vino bianco
4 cucchiai di aceto di mele
un bicchierino di curacao (o altro liquore all’arancia)
2 bicchieri circa di brodo
un mazzetto aromatico
(timo, alloro, rosmarino e salvia)
2 spicchi d’aglio
olio extravergine d’oliva
sale
pepe

Preparazione: 30′

Cottura: 100’

  • Private un’arancia della scorza, che taglierete a striscioline dopo averla scottata per un mi­nuto, e spremetela.
  • Spremete anche l’altra arancia e il limone.
  • Fate caramellare lo zucchero con 4 cucchiai d’acqua, unite l’aceto e il succo di agrumi e cuocete per qualche minuto.
  • Tagliate l’anatra a pezzi e rosolatela per 4-5 minuti dal lato della pelle.
  • Voltate i pezzi, unite l’aglio non sbucciato e le erbe e cuocete per 3-4 minuti.
  • Salate, pepate, eliminate il grasso di cottura e sfumate con il vino, che farete eva­porare a fuoco vivace.
  • Bagnate la carne con lo sciroppo di ace­to e un bicchiere di brodo bollente e cuocetela a fuoco dolce per circa un’ora e mezzo, versando altro brodo, se necessario.
  • A metà cottura eliminate l’aglio e le cottura erbe e aggiungete il curacao e la scorza.
  • Unite l’amido sciolto in una tazzina di acqua fredda, lasciate addensare e servite.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

 
Precedente Ravioli integrali alle verdure. Successivo Salmone in salsa di peperoni.

Lascia un commento

*