Crea sito

Sformatini di ricotta con salsa al basilico

Print Friendly, PDF & Email

Gli Sformatini di ricotta con salsa al basilico sono un grande classico della cucina internazionale.

In Francia e nei Paesi anglofoni,vengono chiamati “Flan“.

Nonostante il nome “importante” sono molto semplici da preparare e vi faranno fare un figurone in ogni occasione. Sono adatti anche ad essere preparati in anticipo, perchè si servono freddi.

Andiamo a cucinare!

Ingredienti:

  • 500 gr di ricotta
  • 100 gr di panna da cucina
  • 50 gr di burro
  • 1 tuorlo d’uovo
  • basilico q. b.
  • noce moscata q. b.
  • sale,pepe

Preparazione:

Preriscadare il forno a 180°C.

Mettere a riscaldare 300 ml di acqua.

Passare la ricotta al setaccio, metterla in una ciotola e lavorarla con il tuorlo d’uovo, una grattata di noce moscata, un pizzico di sale e un pizzico di pepe.

Imburrare sei stampini da crème caramel.

Suddividere il composto di ricotta nei sei stampini pressando leggermente con un cucchiaino.

Mettere gli stampini riempiti con il composto di ricotta, in una teglia da forno con l’acqua bollente ma non in ebollizione. Far arrivare il livello dell’acqua a circa 1 cm sotto il bordo degli stampini.

Infornare per 30 minuti.

Nel frattempo, preparare la salsa al basilico:

Pulire e tritare finemente una ventina di foglie di basilico.

Far sciogliere 30 gr di burro in un pentolino, unire la panna e far addensare. Insaporire con il basilico tritato e un pizzico di sale.

Capovolgere gli sformatini di ricotta su un piatto di portata e servirli ricoperti con la salsa al basilico e qualche fogliolina di basilico.

 

 

Pubblicato da lacucinadimilena

Mi chiamo Milena Villano,classe 1969. Abito ad Avellino,ma sono originaria della provincia di Napoli. La mia grande passione è cucinare. Quello che più mi piace è sperimentare nuove ricette rimanendo,però, fedele alla tradizione gastronomica italiana. La Cucina di Milena è un blog creato per condividere con tutti le mie ricette. Amo tutte le ricette regionali,i piatti tradizionali e le ricette "povere" dell'Italia contadina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.