Crea sito

Panzarotti napoletani

Print Friendly, PDF & Email

Quando ero “guagliona” e abitavo a Torre del Greco,in provincia di Napoli,uscivo il pomeriggio con il mio fidanzato (poi diventato mio marito) ed avevamo una tappa obbligata: il carrettino che vendeva zeppole e panzarotti .

Il venditore ti dava un cuppetiello con frittelline di pasta cresciuta ( le zeppole) e i panzarotti ( crocchè di patate) ad una cifra modestissima e noi lo mangiavamo in strada,passeggiando e chiacchierando.

Oggi va di moda chiamarlo “street food”.

  • Preparazione: 1 e 1/2 Ore
  • Cottura: 1 Ora
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone 12 pezzi
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Patate 1 kg
  • Pecorino 100 g
  • Prezzemolo q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Mozzarella 100 g
  • Uova 3
  • Farina q.b.
  • Pane grattugiato q.b.

Preparazione

  1. Lessare le patate,pelarle e schiacciarle con lo schiacciapatate.

    Metterle in una teglia bassa e pressarle facendole diventare compatte. Farle raffreddare.

     

  2. Alle patate schiacciate e raffreddate aggiungere i tuorli delle uova (conservare gli albumi), il prezzemolo tritato, sale, pepe e pecorino grattugiato.

     

     

  3. Con le mani inumidite di acqua prendere un pò di composto di patate e mettere al centro una striscia di mozzarella. Chiudere il cilindro e formare il panzarotto.

    Continuare fino all’esaurimento del composto di patate.

    Passare i cilindri nella farina,poi nell’albume d’uovo e poi nel pane grattugiato.

    Far riposare i panzarotti napoletani nel frigorifero per due ore e friggere in abbondante olio fino a doratura.

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacucinadimilena

Mi chiamo Milena Villano,classe 1969. Abito ad Avellino,ma sono originaria della provincia di Napoli. La mia grande passione è cucinare. Quello che più mi piace è sperimentare nuove ricette rimanendo,però, fedele alla tradizione gastronomica italiana. La Cucina di Milena è un blog creato per condividere con tutti le mie ricette. Amo tutte le ricette regionali,i piatti tradizionali e le ricette "povere" dell'Italia contadina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.