Genovesi Ericine

genovese crema

 

 

La Genovese, nonostante il nome, vista l’opulenza della farcitura e la golosità dell’involucro che la contiene, può essere considerato a pieno titolo un “must” della produzione dolciaria nostrana. Si pensi che, per alcuni coraggiosi, essa rappresenta una valida alternativa molto più golosa del tradizionale cornetto farcito, per una colazione di certo energetica ed in grado di dare la carica per una giornata intera

Esistono dalle 3 alle 4 versioni di questa ghiotta meraviglia : la classica con ricotta, zuccata e gocce di coccolato, quella con crema gialla, quella con crema di latte  , infine, pare ce ne sia un quarto tipo più raro da trovare  ripieno di conserva di cedro. Tra le versioni sopra citate, di certo quella “ufficiale” prevede che il ripieno sia rigorosamente di crema gialla.

 

Ingredienti:

Pasta frolla

  • 250 gr di farina di grano duro
  • 250 gr di farina tipo 00
  • 200 gr di zucchero
  • 200 gr di burro o margarina, tagliato a pezzi
  • 4 tuorli d’uovo
  • Qualche cucchiaio di acqua fredda

Ripieno (Crema pasticcera)

  • 2 tuorli d’uova
  • 150 gr di zucchero
  • 40 gr amido (di grano o di mais)
  • ½ litro di latte
  • Buccia di mezzo limone, grattugiata

 

 

crema pasticcera2
Crema pasticcera

 

  1. Cominciamo con la frolla.
    Mescolate le due qualità di farina insieme allo zucchero in una terrina grande. Aggiungete il burro tagliato a  pezzetti e fate la cosiddetta “sabbiatura” ossia amalgamate la farina al burro in modo da ottenere un composto granuloso simile alla sabbia.
  2. Incorporate i tuorli uno alla volta, e aggiungere tanta acqua quanto basta affinché la pasta si compatti.
  3. Versate su una superficie infarinata e formate una palla, cercando  maneggiare la pasta il meno possibile onde evitare di farla indurire.
  4. Avvolgete la palla con la pellicola e lasciatela riposare in frigo per almeno 30 minuti prima di stenderla. Intanto procedete con la preparazione della crema gialla che servirà per la farcitura.
  5. Sbattete i tuorli insieme allo zucchero con una frusta. Fate  sciogliere  l’amido in mezzo bicchiere di latte, e poi aggiungetelo al latte rimanente, mescolando bene.
  6. Versate il tutto lentamente nel tegame con i tuorli sbattendo bene con la frusta.
  7. Fate cuocere a fiamma bassa, mescolando continuamente, per 10-12 min. finché il composto non sarà  molto denso, come un budino, quindi  incorporate la buccia del limone grattugiata.
  8. Versate in una terrina e coprite con la pellicola, facendo si che la pellicola posi direttamente sulla crema, e lasciate raffreddare.
  9. Conservare in frigo per un massimo di 3 giorni. Se si dovesse separare, lavorare con la frusta finché non torni omogenea.
  10. Riscaldate il forno a 220° C.
  11. Con le mani fate dei bastoncini di pasta di due cm di diametro.
  12. Tagliate in pezzi lunghi 8 cm, e stendete ciascuno con il matterello per formare rettangoli di 15 x 10 x ½ cm circa.
  13. Mettete due cucchiai di crema su metà d’ogni rettangolo e ripiegate l’altra metà premendo intorno  ai bordi con le dita.
  14. Tagliate a cerchio con uno stampino rotondo, un bicchiere o un tagliapasta dai bordi dentellati.
  15. Posate su una teglia a distanza di circa 2,5 cm. Cuocete nel forno circa 7 minuti fino a fare dorare lievemente la superficie.
  16. Trasferite su una griglia e spolverate con zucchero a velo. Servire tiepide (anche se si dovrebbero mangiare bollenti).

 

 

Precedente Mustazzola di Pantelleria Successivo Pasticcini Ricci di pasta di mandorle