TARALLI CON LO “SCILEPPO” PUGLIESI

I tarall cu sclepp( i taralli con lo scileppo ) sono la storia della nostra Puglia, ci sono zone come il barese dove non è festa  se non prepari, per Pasqua, questo dolce tipico della tradizione povera.

E’ un dolce che non ha bisogno di tanti ingredienti, anzi tutt’altro, ma la sua preparazione consta di pazienza, trucchetti e tanta esperienza, perché tutti  potrebbero farli, ma quelli più buoni sono fatti dalle signore anziane del paese e chissà perché!! 😛

Noi oggi abbiamo i timer loro si scottavano per verificare la cottura, noi abbiamo il termometro loro ancora oggi per vedere se lo zucchero è diventato sciroppo fanno il “filo” e si scottano le dita 😉

E poi …ricordo che da piccoli andavamo a rubarli dalla dispensa per mangiarli di nascosto…ma non tutto il tarallo…solo lo zucchero 😀

Questi sono i dolci della mia tradizione: poveri ma ricchi, ricchi di tanti bei ricordi!!

BUONA PASQUA

Gianna

INGREDIENTI
1 kg di farina per dolci
485 gr di uova
Alcol ( volendo anche grappa) il quantitativo che va in due mezzi gusci
Un pizzico di bicarbonato
Un pizzico di sale
100 gr di olio di mais

PROCEDIMENTO
Inserite nella planetaria farina, grappa,olio, sale e bicarbonato, azionate il gancio a k a velocità minima, inserendo un po’ per volta le uova che avrete precedentemente sbattuto in una coppa con una forchetta. Una volta amalgamato il tutto,cambiate il gancio con quello ad uncino e lavoratelo per alcuni minuti.. Passate ora l’impasto sulla spianatoia e lavorate energicamente a mano finché l’impasto risulti liscio e non più appiccicoso. Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo a riposo per mezz’ora . Trascorso il tempo per il riposo, prelevate dei pezzi che peseranno circa 45gr, avendo cura di tenere sempre coperto con la pellicola o sotto la coppa il rimanente impasto, per evitare che si asciughi. Stendente la pasta creando dei cilindri con diametro di circa 1/1,5cm che chiuderete su se stessi, pinzettando tra loro le punte, se notate che non si attaccano aiutatevi con pochissima acqua.taralli con lo scileppo pugliesi

 

A questo punto mettete sul fornello il tegame alto che solitamente si usa per cuocere la pasta ,aspettate che l’acqua arrivi a 95 gradi, in pratica la fase prima del bollore, e tuffate i primi pezzi, pochi per volta, che toglierete dopo tre minuti. Adagiateli su di un canovaccio e lasciateli tutta una notte ad asciugare(o almeno  4/5 ore). L’indomani mattina tagliateli con un bisturi o un coltello piuttosto affilato in maniera orizzontale e per tutta la lunghezza del tarallo. Quindi appoggiateli su una placca da forno e infornate a forno già caldo a 220 per 10 minuti e per altri 10/15 minuti a 180.  taralli con lo scileppo pugliesi

sono pronti per essere glassati quando saranno freddi.

INGREDIENTI PER LA GLASSA(scileppo)
500gr di zucchero
125gr di acqua
PROCEDIMENTO
Mettete acqua e zucchero in un tegamino su fuoco medio,portate a 110, quindi versate nella planetaria lo sciroppo e montate con la frusta a velocità massima per sette minuti. Vedrete che da trasparente piano piano diventerà bianco. Alla fine dei sette minuti,spegnete e versate la glassa in una ciotola a raffreddare, se non lo dovete usare immediatamente.

GLASSATURA
la Glassatura può essere fatta in due modi:
1- tuffando i taralli uno per volta nella glassa, che avremo fatto sciogliere a bagnomaria, adagiandoli quindi,delicatamente in un vassoio,ancor meglio su di una gratella.
2- 2- sistemare in un vassoio tutti i taralli,senza sovrapporli, quindi far scendere la glassa sciolta sopra e lasciare che si asciughino.

Quest’anno invece di regalare un uovo regalate i taralli cu sclepp 😉

taralli con lo scileppo pugliesi

 

 

Precedente ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE Successivo CREMA DI LIMONCELLO di MIMMA