RAGU’ DI BRASCIOLE DI CAVALLO

Ragù di braciole di cavallo

Tradizione vuole che il 17 Gennaio, giorno in cui si festeggia Sant’Antonio Abate, protettore degli animali domestici, degli agricoltori e del focolare, nel mio paesino, Rutigliano, si pranzi con maritati(orecchiette e maccheroni) conditi con  Ragù di brasciole di cavallo, frutta secca e  prciedd 😉 , tutto preparato il giorno prima, perché il 17 in onore del Santo non si accendono i fuochi.

Gli aneddoti e le storie su questa festa si perdono  nella notte dei tempi e  in un articolo, a parte, abbiamo cercato di raccogliere e raccontare.

Ma torniamo alla ricetta di oggi:

Un ragù ottimo per condire una pasta  tipica della mia terra : le orecchiette, la cui preparazione spero a breve di potervi presentare qui sul nostro blog.

Sappiate solo che  da noi non c’è festa se a pranzo  non trovi i rcchtedd c’ i brascioul

INGREDIENTI

1 kg di fettine di cavallo (disossato o diaframma, spiegate al vostro macellaio di fiducia per cosa vi serviranno )

2 lt di salsa di pomodoro

aglio,

pepe,

prezzemolo,

sale,

pecorino qb

due foglie di alloro

3/4 bacche di ginepro

1 cipolla media

1 bicchiere di vino rosso

olio EVO

Ragù di braciole di cavallo

PROCEDIMENTO

Per preparare  il Ragù di brasciole di cavallo, acquistate un chilo di fettine non molto grandi, battute con il batticarne.

Disponetele aperte una affianco all’altra e cospargetele con abbondate pecorino, sale, pepe, prezzemolo e aglio tritati.Ragù di braciole di cavallo

una volta fatto ciò arrotolate e fermatele con gli stecchini.

Fate molta attenzione a che  non si spezzino e quando le servite abbiate cura di toglierli o avvisare i commensali della loro eventuale presenza 😉

Ragù di braciole di cavallo

Prendete una pentola abbastanza capiente da poter contenere le nostre braciole una accanto all’altra, versateci l’olio e la cipolla tagliuzzata, quella più adatta a questa ricetta è la cipolla rossa, io avevo solo la sponsale in casa.

Ragù di braciole di cavallo

Fate soffriggere dolcemente la cipolla, quindi adagiate le braciole sul soffritto e con l’aiuto di due forchette, giratele più volte finchè non si saranno leggermente rosolate, proprio come vedete nella foto.

Ragù di braciole di cavallo

A questo punto aggiungete il bicchiere di vino e lasciate sfumare.

Dopo che il vino sarà sfumato, versate la salsa di pomodoro, il ginepro leggermente pestato e le due foglie di alloro.

Ragù di braciole di cavallo

Quindi lasciate cuocere a fiamma bassissima per un paio di ore o comunque fino a quando la forchetta, infilzando la braciola, entrerà facilmente.

Non lasciate il sugo incustodito, ogni tanto girate le braciole nel sugo e controllate che non si sia ristretto eccessivamente.

Quindi aggiungete un po’ di acqua, magari avendo tenuto un po’ da parte  quella nella bottiglia della salsa 😉 .

A metà cottura assaggiate la sapidità del ragù, aggiungete un po’ di sale se fosse necessario, sempre in quantità minime.

Ricordate che, se è poco saporito, possiamo aggiungerne dell’altro, se diventa troppo salato abbiamo rovinato il piatto 😛 .

Bene ora potete condire il vostro piatto di orecchiette ma se volete anche di maccheroni 😉

BUON APPETITO E BUONA FESTA DI SANT’ANTONIO ABATE

Gianna

Precedente La tradizione che ti fa innamorare, in cucina e non solo Successivo Un dolce tour nella fiera internazionale dell'eccellenza gastronomica SIGEP 2016