MARITOZZI CON LIEVITO MADRE

Come iniziare un fine settimana in relax:

Coccolare i nostri cari e coccolarci dovrebbe essere prescritto dal dottore altro che medicine. Un modo ottimale è preparare manicaretti e piatti che sai piacciono tanto a tuo marito o ai tuoi figli… ma soprattutto fare colazione con cibo genuino e fatto in casa con le proprie mani non ha eguali!!

Era proprio da tanto che volevo fare questi maritozzi che detto francamente, un po’ perché meno carichi di burro, un po’ perché più pratici da fare, personalmente li preferisco ai cornetti.

Ma sono anche una buona alternativa alla merenda da portare a scuola, ed allora mi son detta: sperimentiamo con Fenice (la mia pm) e vediamo un po’ cosa vien fuori, credetemi andare a letto con il profumo dei maritozzi nel naso è una vera tortura!! 😛

10967872_919984401359386_1775663534_n

INGREDIENTI

800 gr di farina (io ho usato quella per brioches soft del molino dalla giovanna, ma potete usare anche un mix di farina “00” e manitoba)

180 gr di latte

180 gr di acqua

300 gr di pasta madre solida rinfrescata ( d’inverno per andare sul sicuro soprattutto se non avete la camera di lievitazione vi consiglio di aggiungere 10 gr di lievito di birra)

160 gr di burro

160 gr di zucchero

1 cucchiaino di sale

un tuorlo più un po’ di latte per spennellare

PROCEDIMENTO

Mettete nella planetaria la farina e la pm spezzettata, azionate e versate a filo i due liquidi che avrete precedentemente unito, prima che il liquido finisca, aggiungete lo zucchero e il sale, e dopo aver finito di versare tutto il liquido far andare l’impastatrice per cinque minuti.

Aggiungete il burro a temperatura ambiente, poco per volta, non aggiungete il pezzetto successivo se prima l’impasto non avrà assorbito quello precedente.

Fate andare l’impastatrice ancora cinque minuti, l’impasto deve incordare, risulterà elastico e morbido.

Versatelo su di una spianatoia e pirlatelo, dopo una mezz’ora fate delle pieghe, pirlatelo ancora.copritelo con un panno ed una coppa.

10967015_919984328026060_719001689_n

ora potete decidere di lasciarlo lievitare a temperatura ambiente fino al suo raddoppio o porlo in frigo dove potrà restare da alcune ore o anche tutta la notte, dipende da che ora avete cominciato ad impastare ovviamente.

se lo avrete posto in frigo, dovrete aspettare almeno un paio d’ore dopo averlo tirato fuori per fare le pezzature, mentre se avrete aspettato il raddoppio a t a proseguite a tagliare in pezzi che potranno andare dai 100 gr ai 130 gr , l’importante che li facciate tutti dello stesso peso, perché così in cottura non si rischia di avere alcuni troppo cotti o altri troppo crudi 😉

10955862_919984414692718_642925842_n

Sbizzarritevi con le forme e poneteli ad una certa distanza l’uno dall’altro in modo tale che lievitando non si attacchino.

riponete le teglie in forno dove lieviteranno fino al raddoppio, se fa freddo aiutatevi con la lucina del forno, la temperatura per una lievitazione ottimale deve oscillare dai 25 ai 28 gradi.

una volta lievitati spennellateli con un tuorlo sbattuto con un po’ di latte e cospargete zucchero semolato e zucchero di canna nelle pieghe( anche se quelli delle foto li ho solo spennellati con latte e sparso lo zucchero un po’ dappertutto 😛 ).

infornate in forno già caldo a 180 gradi per 20 minuti, a cinque minuti dal termine, girate il tegame per rendere la doratura più uniforme (se avete un forno un po’ vecchiotto come il mio) e le prime volte seguite da vicino la cottura per non rischiare di farli cuocere troppo.

BUONA COLAZIONE E BUON WEEK END !! 😀

Precedente CIAMBELLA ZIA GIULIA anche detta "strudel coffe cake" Successivo CHIACCHIERE DI CARNEVALE