La mia  STRA passione ☆la pizza☆: LA PUGLIESE SAPORITA

Storia di LA PUGLIESE SAPORITA !!

 Il nostro amico d’impasti Lorenzo Soldini del gruppo Pane e Tulipani  ha nuovamente proposto un Contest  con il  Molino Perteghella!!

Potevo non partecipare??

Questa volta, l’occasione era dettata dal lancio della nuova farina studiata  per la Pizza.

Si, avete capito bene, la pizza,  la mia adorata pizza.

La nuova linea di farine  si chiama per l’appunto  STRAPIZZA, della quale fanno parte numerose varietà e miscele. Ad ognuno la sua praticamente. Dalla Bella Napoli a quella ai cereali e alla Gustosa a base di gran duro. Insomma c’è solo da provarle e divertirsi.
A questo punto io non potevo sottrarmi, dovevo provarle e mi sono iscritta.

Superato il primo step dal quale siamo usciti vincitori 32 su 64, ne è seguito un secondo durante il quale ho presentato la pizza in cui ho inserito un po’ della mia “vita”.
Ed è proprio la pizza per la semifinale che vi voglio presentare!!

Gli ingredienti utilizzati sono della mia amata Puglia.

Il suo nome è LA PUGLIESE SAPORITA.


Ora non vi resta che mettere le mani in pasta e provare queste fantastiche farine e magari provare a fare  LA PUGLIESE SAPORITA.

Ringrazio dunque il mio amico Lorenzo per averci nuovamente fatto  divertire e il Sig. Attilio Perteghella per la sua generosità e voglia di giocare con noi casalinghe.
Alla prossima sfida….

Con questo elaborato partecipo allo StraContest Strapizza, la farina ideale per la pizza di qualità, indetto dal gruppo FaceBook ” Pane e tuli…pani” di Lorenzo Soldini https://m.facebook.com/groups/349374371920870 e sponsorizzato dall’industria Molitoria Perteghella di Attilio Perteghella http://www.perteghella.it

Ingredienti
350 di farina classica strapizza
350 di farina bella Napoli strapizza
150 di rustica strapizza
2,5 g di lievito in polvere
12 sale
Idratazione al 70 %
Totale 1450 g circa per 6 pizze da 250 g

Farcitura
Pomodori Corbarino ,

mozzarella pugliese ,
Caciocavallo pugliese stagionato 48 mesi,
Burrata pugliese  ,

capocollo di Martina Franca,

pomodorini confit home made.

Procedimento 

Questa volta non avevo molto tempo a disposizione e quindi ho optato per una lievitazione diretta e in giornata.
In mattinata alle ore 9 circa dopo un ora di autolisi delle farine con il 60% di acqua, ho iniziato ad impastare con il restante 10%  nella quale ho sciolto il lievito in polvere, e  lentamente ho impastato  fino ad incordatura.  Anche il sale è stato aggiunto all’inizio dell’impasto.
Ottenuto il mio bel impasto l’ho lasciato puntare coperto al caldo per un ora. Dopo di che è rimasto a t.a. fino alle 13. A questo punto mi sono accorta che lievitava bene ed ho messo la ciotola in frigo.

 Alle 16,30 ho tirato fuori fatto lo staglio e formato i miei 6 panetti e li ho rimessi a lievitare nei contenitori fino al momento in cui l’impasto si stendeva da solo. Ci sono volute meno di tre ore.
Per la cottura ho usato il forno di casa con funzione pizza che arriva a 275 ° e la pietra refrattaria.
Dunque raggiunta la temperatura ho iniziato a stendere i miei panetti e farcire con solo pomodoro e mozzarella le mie pizze.

Per la cottura sono stati sufficienti 5 minuti. Dopodiché appena uscite dal forno ho completato la farcitura con gli ingredienti elencati.

Che dirvi!!

L’esperimento è più che riuscito, naturalmente il mio intento è quello di avere una piZza dalla buona “masticabilità” né troppo “cicciosa” né troppo croccante per far si che si avvicini il  più possibile alla napoletana.

Per questo devo ringraziare il Molino Perteghella per le buonissime farine.  Al solito le mie termiti hanno spazzato tutto😂😂😂 buona pizza a voi!!

E non dimenticate di fare un salto nel nostro gruppo FB dove troverete me e tanti altri amici con cui condividere la passione per il buon cibo!!

A presto

Giulia

Precedente Ciabatte misto semola, con lievito madre Successivo Cheesecake salata, con formaggio stracchinato fichi e prosciutto crudo