Pane con la barbabietola

Il pane con la barbabietola era una delle mie fisse, e dopo aver visto l’ennesimo pane pubblicato su di un gruppo facebook, ho deciso di lanciarmi nel  esperimento.

La ricetta del pane è la solita che utilizzo ormai da tempo, l’unica variazione è stata la purea di barbabietola cotta al forno invece dell’acqua.

pane con la barbabietola

 

INGREDIENTI PER PM

500 gr di farina multicereali

100  gr di li.co.li.  maturo

250 gr di purea di barbabietola cotta al forno

15 gr di sale.

Per il mio Pane con la barbabietola, vi lascio anche il peso degli ingredienti,  se volete farlo con il lievito di birra 😉

INGREDIENTI PER LDB

550 gr di farina multicereali

4 gr di ldb

300 gr di purea 

15gr di sale

 

 

PROCEDIMENTO

Ho iniziato facendo autolisi con la purea per un’ora.

“Per autolisi s’intende la farina mischiata in maniera grossolana a parte dei liquidi o all’ intera dose come in questo caso.

Essa può essere di un minimo di mezz’ ora fino anche ad arrivare a 24 ore, serve per reidratare la farina e renderla più facilmente lavorabile.”

pane con la barbabietola

Dopodiché ho aggiunto il lievito ed ho iniziato ad impastare.

Successivamente  ho aggiunto il sale con un po’ d’acqua, che potete continuare ad aggiungere lentamente l’impasto permetta.

L’inserimento di ulteriori liquidi è consigliato solo a coloro che hanno già una certa esperienza con gli impasti molto idratati.

Portato ad incordatura faccio puntare l’impasto per un’ora, quindi faccio tre giri di pieghe a tre ogni 30 minuti.

 

 

“Per puntatura  si intende lasciare sul ripiano di lavoro l’impasto, senza coprirlo.

Questa è una procedura che si applica agli impasti con un alto grado di idratazione e serve per far asciugare l’impasto quel tanto che serve  a poterlo maneggiare più facilmente senza che si appiccichi alle mani.”

Quindi ho proceduto con la pirlatura.

Solitamente metto in ciotola per la prima lievitazione fin quasi a far raddoppiare l’impasto.

In questo caso alla fine delle pieghe ho formato messo in cestino, a testa in giù, cioè con la chiusura della pirlatura in alto  e messo in frigo.

L’indomani,  a distanza di quasi 24 ore il mio pane è raddoppiato in frigo, quindi ho proceduto ad infornare direttamente dopo aver scaldato al massimo il forno con pentolino d’acqua e refrattaria già dentro il forno.

Pertando ho ribaltato delicatamente il pane sulla refrattaria calda, dato il taglio  e  l’ho fatto cuocere per circa 1 ora e 15 min, scalando la temperatura di 20 gradi ogni 15 min.

Gli ultimi 15 con lo sportello del forno leggermente aperto con cucchiaio di legno.

Questo serve a far evaporare tutta l’umidità e a far asciugare il pane.

pane con la barbabietola

L’interno  sarebbe dovuto essere rosso ma ho dimenticato di inserire un fissante per evitare che il colore rosso si spegnesse.

La prossima volta cercherò di capire in che misura utilizzare del limone per evitare l’ossidazione del colore.

Che dirvi di più!!

Provateci anche voi, magari anche con altre verdure.

Il risultato è sempre divertente soprattutto se ad accompagnarvi negli impasti ci sono i vostri marmocchi 😀

Giulia

Seguiteci sui social network:

Pagina facebook

 Gruppo Facebook 

Pinterest

Instagram

 

Precedente Ciambella al mosto, quando con l'uva ci fai il lievito e non solo. Esperimenti che danno soddisfazione Successivo Confettura di peperoni in agrodolce, le conserve!! Quale miglior modo per portare con se il ricordo dell'estate.