Pane casereccio

Buongiorno,

ieri ho deciso di rendere più interessante giornata molto piovosa..visto che siamo stati costretti a stare in casa ho deciso di fare il pane..quello della vera tradizione casereccia,che con un pò di accorgimenti potete realizzare facilmente anche voi,facendo attenzione all’unico segreto..:la lievitazione.

Intanto vi lascio la ricetta,poi vediamo insieme a cosa stare attenti.

700 gr di farina Manitoba

350 cc di acqua temperatura ambiente

2 cucchiaini di sale

12 gr di lievito di birra

 

Per prima cosa sciogliere il lievito di birra in mezzo bicchiere di acqua tiepida,mescolando bene e lasciandolo in parte.

Impastare la farina e l’acqua  con le mani,io preferisco usare una ciotola perchè raccolgo meglio l’impasto, sporco meno e lavoro meglio.

Aggiungere il sale,sciolto in un pochino di acqua tiepida che potete prendere dalla dose iniziale.

Alla fine aggiungere il lievito ormai sciolto e lavorare ancora bene l’impasto per distribuirlo meglio.

 

Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati,lavorare con più energia,sbattendo bene il panetto,questo metodo favorisce la lievitazione.

DSC_0202 (640x426)

 

Far lievitare il panetto ottenuto mettendolo in una ciotola possibilmente con coperchio,in un luogo molto caldo.

Di solito impiega circa tre ore per raddoppiare di volume,o anche qualcosa in più..regolatevi controllando l’impasto più che il tempo,l’importante è che raddoppi.

Una volta pronto,impastare di nuovo il panetto con energia e posizionarlo sulla teglia da forno,oppure in un contenitore basso e largo,in modo da ottenere la forma della pagnotta o se si preferisce fare dei panini.

Farlo lievitare ancora un pò.circa un’oretta e infornare a 190°,facendo attenzione che non scurisca troppo in superficie,eventualmente posizionare la cottura “solo sotto” per circa 15 min e poi sia sotto che sopra…

Cuocere per circa 35 minuti.

Lasciarlo raffreddare prima di tagliarlo.

Accorgimenti e segreti per una buona riuscita:

-Lavorare l’impasto in un ambiente caldo perche favorisce la lievitazione e non spostarlo mai da una stanza all’altra perchè è facile che la lievitazione si interrompa se ci sono colpi d’aria.

-L’impasto va lavorato  prendendo la pasta dal basso verso l’alto e fino a quando gli ingredienti non saranno ben amalgamati ,ottenendo un panetto omogeneo e liscio

-La cottura dipende molto dal forno,se conoscete il vostro basatevi sulla sua potenza,se troppo forte,abbassate la temperatura e viceversa.

DSC_0209 (640x426)

Info su Caterina

Senza entusiasmo non è stato mai compiuto niente di grande...
Questa voce è stata pubblicata in Piatti unici e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>