Tortelli di patate mugellani

fatti-in-casaPER IL RIPIENO
1 kg di patate
2 hg di parmigiano
noce moscata q.b.
aglio e prezzemolo q.b.
olio extra vergine di oliva

 

PER LA PASTA
8 uova
1 kg di farina

PREPARAZIONE: Mettere a lessare le patate. Nel frattempo preparare la sfoglia: con la farina formare una fontana, lasciandone da parte 2 etti circa da aggiungere mano a mano che si impastata. Amalgamate le uova ad una ad una e lavorare l’impasto fino ad ottenere una palla morbida e liscia che non attacchi alle mani.
Lasciare riposare la pasta coperta per una mezz’ora.Tagliatene dei pezzi e stendela a sfoglia, a mano (piuttosto faticoso) o con l’aiuto della macchina (decisamente meglio !!), in modo da avere strisce di sfoglia non troppo fini da rompersi alla chiusura o alla cottura, ma nemmeno troppo alte da rendere la cottura difficoltosa e poco gestibile.

Quando le patate sono cotte e ancora ben bollenti, sbucciatele e schiacciatele aggiungendo prezzemolo e aglio tritati, noce moscata grattugiata, il parmigiano ed un po’ olio. Aggiungete anche qualche cucchiaio di passata di pomodoro  per avere un ripieno rosato e salate q.b.

Sulla sfoglia, a distanza di circa due cm l’uno dall’altra, mettere delle palline di ripieno grandi come una noce, quindi ripiegare la sfoglia nel senso della lunghezza schiacciandola da abo i lati rispetto al ripieno con la parte esterna dei mignoli per chiudere la pasta. Con il tagliapasta zigrinato tagliarne l’eccesso e separare i tortelli l’uno dall’altro; in questo modo si otterrà una migliore e più ornamentale sigillatura della pasta.

Lasciateli asciugare da ambo i lati per un mezz’ora e poi o li surgelate a sacchetti di 30-50 l’uno oppure gettatene pochi alla volta nell’acqua a bollore per il tempo necessario che la pasta sia cotta (2-3 minuti circa).

Condimento a scelta, ma la tradizione vuole il piatto povero con burro e salvia ed un leggera spolverata di parmigiano. Nella rivisitazione più “aristocratica” i tortelli mugellani sono ottimi con ragù di carne, sugo d’anatra, ragù di cinghiale, olio tartufato o direttamente con una noce di burro e scaglie di tartufo.

Patate alla Carbonara

patate1 kg di Patate

200 gr di pancetta dolce a dadini

40 gr di parmigiano grattuggiato

40 gr di burro

prezzemolo tritato TEC-AL

pepe TEC-AL

2 spicchi di aglio; sale qb

Lavate le patate e lessatele in acqua bollente salata per 30 minuti. Sgocciolatele, pelatele e tagliate a dadini, poi sistematele in una pirofila unta.

Sbucciate e tritate l’aglio, riducete a dadini la pancetta e fateli rosolare in un tegame per qualche minuto, poi togliete la pancetta e aggiungete il prezzemolo tritato.

Condite le patate con un pizzico di sale e pepe, spolverizzatele con il pecorino grattugiato e versatevi sopra il condimento preparato. Fate gratinare nel forno già caldo a 180 °C per 15 minuti e servite.

Penne al mais ai funghi porcini e patate

 

INGREDIENTI PER 6 PERSONE 500 g di penne al mais eai; 500 g di funghi porcini (o misto funghi); 100 ml di olio extravergine di oliva;  1 spicchio di aglio; 2 patate medie Prezzemolo; Parmigiano grattugiato; Sale; Pepe.

Mondate i funghi, affettateli dello spessore di 3/4 mm. In una larga padella scaldate metà dell’olio con l’aglio intero  aggiungete i funghi, salate e pepate, lasciate che esca il liquido di vegetazione e fate restringere velocemente. Spegnete e aggiungete il prezzemolo tritato, lessate le penne al mais e saltatele in padella con parmigiano e acqua di cottura, aggiungete all’ultimo il condimento di funghi, l’olio rimasto, mescolate e spolverare con prezzemolo tritato fresco prima di servire e parmigiano grattuggiato.

La pasta utilizzata in questo piatto:

 Conf 250 gr € 2.60 – La pasta di mais Eccellenze Alimentari Italiane è un prodotto dietetico, privo di glutine ed altri allergeni e perciò specialmente adatto ai celiaci. La coltivazione delle materie prime avviene nel pieno rispetto dei cicli naturali, integrando sapientemente tradizione e innovazione. Ciò garantisce a questo prodotto il mantenimento delle sue pregiate qualità organolettiche e nutrizionali.

Questa pasta ha un gusto delicato grazie all’alta percentuale di mais. Il profumo è gradevolissimo, il colore ambrato. La trafilatura al bronzo e la lenta essiccazione le conferiscono una consistenza particolarmente gradita anche ai buongustai.

  • Attenta selezione del mais migliore
  • Alta percentuale di pregiato mais bianco [SOLO FARINA BIANCA]
  • Un prodotto che unisce gusto e innovazione
  • Salute e alto valore nutrizionale
  • Pasta trattata secondo le migliori tecniche pastaie: trafilata al bronzo ed essiccata lentamente per 48 ore
  • Pasta di grande impatto gustativo, dal sapore originale e gastronomicamente versatile
  • Lavorata a freddo, senza additivi.
  • Alimento altamente digeribile e totalmente privo di glutine.