Gricia da paura | ricetta primi

Gricia da paura

Gricia da paura, ovvero la pasta alla Gricia a modo mio. Come tutti sanno, questa ricetta (l’originale). è l’antenata dell’Amatriciana. Molto probabilmente l’origine del nome sta nella deformazione del nome Grigioni, che una volta (parliamo del 1200 dc circa) facevano i pastori in Abruzzo. Si perché se oggi Amatrice si trova nel Lazio, è vero che una volta era Abruzzo. Per assonanza Grigio diventa Gricio nell’inflessione dialettale e dunque Pasta alla Gricia. Gli ingredienti sono pochi visto che i pastori portavano in bisaccia lo stretto necessario, perciò in questo caso, pecorino stagionato, guanciale e poco altro. Vista la rapidità di esecuzione di questa ricetta, e non volendo mangiare freddo, non ho fatto foto delle varie tappe, ma vedrete che è molto facile. Invece ho due raccomandazioni, anzi tre: Prima di tutto, essendo pochi ingredienti la qualità di ciascuno di loro è fondamentale, in secondo luogo è fondamentale che il piatto di portata sia caldo e che si servi in fretta. Tertio,  niente cipolla, aglio,pancetta o parmigiano !

Allora, per 4 porzioni gli ingredienti sono:

320gr di rigatoni di alta qualità
120gr di Pecorino Romano stagionato
200gr di guanciale
Del pepe nero da macinare
4 mandorle secche
un rametto di rosmarino fresco
un mezzo bicchiere di vino rosso

Mettete a bollire l’acqua di cottura, senza sale dentro e appena bolle fate cuocere la pasta al dente, aggiungendo un po’ di sale grosso nell’acqua. Grattate il pecorino e mescolatelo con il pepe macinato (a vostro gusto quanto). Con un coltello tritate fino il rosmarino e le mandorle e mettete da parte senza mescolare al formaggio. In un grande tegame, fate dorare il guanciale che avrete tagliato sottile. Una volta che diventa trasparente aggiungete il vino e fate sfumare velocemente. A quel punto aggiungete un cucchiaio di acqua di cottura della pasta e abbassate il fuoco.

Quando la pasta sarà al dente, NON scolatela ma con l’aiuto di una schiumaiola, mettetela nel tegame con il guanciale e alzate la fiamma. Fate saltare finché la pasta è giusta di cottura aggiungendo caso mai ancora un po’ di acqua di cottura. Ora aggiungete il rosmarino e le mandorle, mescolate bene e togliete dal fuoco.

Aggiungete il pecorino col pepe e girate velocemente, Impiattate subito nei piatti caldi, e godete….

Gricia da paura

Gricia da paura©

Be Sociable, Share!

Info su jeanmarc

Sono un uomo di cinquant'anni, appassionato di cucina da sempre. Mi piace mangiare e fare da mangiare. Trovo che il tempo passato in cucina ripaga sempre degli sforzi e più vado avanti davanti ai fornelli, più mi accorgo che con pazienza e dedizione possiamo veramente cucinare di tutto.
Questa voce è stata pubblicata in PRIMI. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Gricia da paura | ricetta primi

  1. vickyart scrive:

    non conoscevo l’origine del nome di questa ricetta, mi piace la variante con le mandorle, anche io le uso spesso per sostituirle al parmigiano 😀 la qualità degli ingredienti è essenziale ad ogni caso :) ciaoo

  2. jeanmarc scrive:

    Ciao ciao :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*